Ottobre 2021

TEATRO DEL CERCHIO - Serata di presentazione stagione 2021_22

Data dell'evento: 01.10.2021 alle ore 20:30

Nuovo Teatro di via Pini, ore 20.30

(Dal comunicato stampa)

"Venerdì 1 ottobre, ore 20,30, presso il Nuovo Teatro di Via Pini (spazio della vecchia sede) il Teatro del Cerchio presenterà al suo pubblico e alla stampa la nuova stagione teatrale per adulti e ragazzi 21-22. Sarà una serata ?tra amici? che introdurrà il nuovo programma di spettacoli pronto a ripartire. "Lo faremo dal Nuovo Teatro di Via Pini, sorto sulle ceneri del vecchio, che non sarà la nostra nuova sede" spiega il Direttore Artistico, Mario Mascitelli "La gentile concessione ci è stata fatta in attesa che il nostro nuovo teatro di Via Belli sia terminato e inaugurato, come previsto, nel 2022. Ci sembrava giusto, però, ricominciare da qui, da questo luogo che ci ha ospitato per quindici anni e che ci ha visto crescere diventando, negli anni, non più il ?teatrino della scuola? iniziale ma un teatro internazionale con progetti e collaborazioni in tutto il mondo e che è stato appena riconosciuto dal Ministero della Cultura come Compagnia di ricerca per l?infanzia diventando uno dei nuovi teatri finanziati dal Fondo Unico dello Spettacolo"

Verrà, quindi, presentata la prima parte della stagione fino al 31 dicembre in attesa di conoscere i nuovi sviluppi e le nuove indicazioni, eventuali, ministeriali legate all?andamento generale che tutti conosciamo.

Nell'occasione, verranno raccontate anche tutte le novità che riguardano i nuovi corsi della nostra Piccola Scuola di Teatro che non si è mai fermata e che, anche nel momento più critico della pandemia, ha continuato ad esistere e a riunire un numero di allievi considerevole e appassionato.

Per info e prenotazioni 351 5337070 ?prenotazioniteatrodelcerchio@gmail.com

Luogo: Nuovo Teatro di Via Pini
Prosegui la lettura di: TEATRO DEL CERCHIO - Serata di presentazione stagione 2021_22

TARO IL PESCATORE

Data dell'evento: 03.10.2021 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30

di Danila Barone
regia Teresa Bruno
con Danila Barone e Andrea Bochicchio
 
produzione Teatro della Tosse / Teatro del Piccione
dai 3 anni e tout public
 
Uno spettacolo che conduce in un universo ironico e surreale, dove tutto può accadere e niente è logico. Un pescatore di fiume, una figura calma e solitaria, rappresenta l?arte dell?attesa e rivela gesti antichi imparati da suo padre. Ma arriva un temporale e accade qualcosa di inaspettato che cambierà tutto.
Lui abituato allo stupore di trovare pesci incredibilmente grandi in corsi d?acqua spaventosamente piccoli, lui capace di credere all?incredibile, questa volta pesca qualcosa di inaspettato, qualcosa che gli cambierà la vita, qualcosa che gli pervaderà l?anima e gli riempirà gli occhi. 
 
Per info e prenotazioni: tel. 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: TARO IL PESCATORE

LETTERALMENTE VERDI

Data dell'evento: 05.10.2021 alle ore 20:30

Teatro Regio di Parma, ore 20.30

Con Fabrizio Gifuni

Clarinetto Corrado Giuffredi

Pianoforte Federico Nicoletta

Il celebre attore leggerà, con l'accompagnamento musicale dal vivo, alcune lettere su Un ballo in maschera scelte da Giuseppe Martini

Reading realizzato da Società dei Concerti di Parma

(Commissione del Festival Verdi in prima assoluta)

 

Per info e prenotazioni: https://www.teatroregioparma.it/spettacolo/letteralmente-verdi-2/

Luogo: Teatro Regio di Parma
Prosegui la lettura di: LETTERALMENTE VERDI

OPENING FESTIVAL NATURA DÈI TEATRI

Data dell'evento: 07.10.2021 alle ore 20:00

Lenz Teatro, ore 20

(Dal comunicato stampa)

h20 ? Welcome Drink
h21 ? IPHIGENIA IN TAURIDE
h22 ? Dialogo con gli spettatori


Il Festival ALL WOMEN di Lenz si apre con un?emblematica creazione di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto e un dialogo con gli spettatori.

Giovedì 7 ottobre a Lenz Teatro si inaugura il venticinquesimo Festival Natura Dèi Teatri, un'edizione totalmente interpretata dalle opere performative e visuali di artiste di diverse generazioni e provenienze e dalle riflessioni di curatrici, studiose, attiviste, filosofe: un messaggio politico e culturale molto nitido che vuole evidenziare la potenza espressiva e la densità estetica delle donne nel panorama artistico contemporaneo nell?anno di Parma Capitale italiana della Cultura.

IPHIGENIA IN TAURIDE
Ich bin stumm (Io sono muta)
da Johann Wolfgang Goethe e Christoph Willibald Gluck
Testo e imagoturgia | Francesco Pititto
Installazione, composizione performativa, costumi | Maria Federica Maestri
Interprete | Monica Barone
Produzione | Lenz Fondazione

Per prenotazioni: tel. 0521 270141 

Per il programma completo del festival leggi qui: https://lenzfondazione.it/natura-dei-teatri/2021-2/programma/

Luogo: Lenz Teatro
Prosegui la lettura di: OPENING FESTIVAL NATURA DÈI TEATRI

POUR LE MEILLEUR ET POUR LE PIRE

Data dell'evento: dal 08.10.2021 al 09.10.2021 alle ore 21:00

Teatro al Parco, ore 21

(Dal comunicato stampa)

"Venerdì 8 e sabato 9 ottobre alle 21 al Teatro al Parco, nell?ambito della Stagione Ottobre-dicembre 2021 del Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti, arriva per la prima volta a Parma il Cirque Aïtal, compagnia di circo contemporaneo tra le maggiori della scena francese. Lo spettacolo, intitolato «Pour le meilleur et pour le pire», in italiano «Nel bene e nel male», si rivolge a tutti gli spettatori a partire da 6 anni ed è una delle creazioni di maggior successo del gruppo, che riparte da Parma per proseguire poi nel tour francese ed europeo.

Kati Pikkarainen e Victor Cathala, coppia franco-finlandese, fondatori, autori e interpreti della compagnia, trascinano lo spettatore nella loro vita di giovani acrobati fondendo la loro abilità tecnica con un emozionante racconto autobiografico, in un vortice di numeri circensi, tra giochi aerei, figure acrobatiche mozzafiato, pertiche e numeri da domatore" (c.s.)

Per maggiori info e prenotazioni: tel. 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: POUR LE MEILLEUR ET POUR LE PIRE

CARO ORCO

Data dell'evento: dal 09.10.2021 al 10.10.2021 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30

(Dal comunicato stampa)

"Sabato 9 e domenica 10 ottobre alle 16.30 al Teatro al Parco, nell?ambito della Stagione Ottobre-dicembre 2021 del Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti va in scena «Caro Orco», uno spettacolo per tutti a partire dai tre anni, di Manuela Capece e Davide Doro, interpretato da Maurizio Bercini, collaborazione artistica di Marina Allegri. «Caro Orco» è un ritratto, e una riflessione, intorno al simbolo stesso dell'immaginario infantile, al protagonista in negativo delle narrazioni orali e delle avventure fiabistiche di tutto il mondo. Ma chi è davvero l'Orco? E a cosa serve? Una possibile risposta che fornisce uno spunto per la costruzione dello spettacolo è rintracciabile in un folgorante pensiero di Confucio non a caso citato nell?introduzione delle note di regia dello spettacolo:  «Gli uccelli volano, i pesci nuotano e gli animali corrono. Quello che corre può essere arrestato da una trappola, quello che nuota da una rete, e quello che vola da una freccia. Ma qui abbiamo un drago. Non so come cavalchi nel vento, né come arrivi al cielo»" (c.s.)

Per info e prenotazioni: tel. 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: CARO ORCO

UN FIGLIO DEL NOSTRO TEMPO

Data dell'evento: 09.10.2021 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30 (repliche fino al 18 ottobre)

UN FIGLIO DEL NOSTRO TEMPO
Il mio cuore è un mare nero
tratto dal romanzo di Ödön von Horváth
adattamento Amedeo Guarnieri e Lucrezia Le Moli

con Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Alessio Del Mastro, Davide Gagliardini, Luca Nucera, Nanni Tormen, Emanuele Vezzoli
con la partecipazione in video di Massimiliano Sbarsi, Michela Lusa, Nora Birouk

scene e costumi Emanuela Dall?Aglio
luci Claudio Coloretti
musiche Enrico Padovani
fotografia video Andrea Morgillo

aiuto regia Massimiliano Sbarsi

regia Lucrezia Le Moli

produzione Fondazione Teatro Due

Teatro Due, Parma
PRIMA NAZIONALE 9 OTTOBRE 2021, ORE 20.30

Calendario recite
10 e 17 ottobre ore 16.00
11, 14, 15, 16 e 18 ottobre ore 20.30

"Debutta in prima nazionale sabato 9 ottobre alle ore 20.30 Un figlio del nostro tempo - il mio cuore è un mare nero, nuova produzione di Fondazione Teatro Due (lo spettacolo replicherà 10 e 17 ottobre alle ore 16, 11, 14, 15, 16 e 18 ottobre alle 20.30). Tratto dal romanzo di Ödön von Horváth e adattato per la scena da Amedeo Guarnieri e Lucrezia Le Moli, lo spettacolo è interpretato da Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo, Alessio Del Mastro, Davide Gagliardini, Luca Nucera, Nanni Tormen, Emanuele Vezzoli con la partecipazione in video di Massimiliano Sbarsi, Michela Lusa, Nora Birouk, e la regia di Lucrezia Le Moli. Romanzo di formazione politica scritto da Ödön von Horváth nel 1937, Un figlio del nostro tempo fu subito inserito nella lista dei libri dannosi e indesiderabili dell?epoca e costrinse l?autore trentaseienne all?esilio. Vi si racconta di un ragazzo disoccupato che, presa la decisione di arruolarsi come volontario, sente finalmente di aver trovato nella vita militare il proprio posto nel mondo. Tornerà dalla guerra privo dell?uso di un braccio e dell?illusione alla quale si era consegnato iniziando così un progressivo smascheramento della propria coscienza. Il conformismo che, come un virus, si era installato nell?animo del protagonista, sarà vinto solo dalle sue forze interne, solo la sua esperienza portata all?estremo sarà in grado di ?convertirlo? in qualcosa di migliore o di portarlo all?estrema espiazione dell?abbrutimento in cui era caduto. Nell?adattamento operato da Guarnieri e Le Moli si delinea la presenza di un demiurgo, che con uno sguardo spietato, dall?alto, sobilla il protagonista, sua stessa creatura, e lo sottopone a delle prove, tingendo la vicenda di toni romantici o espressionistici, trasformandola in fantasticheria e incubo. Il racconto di questa esistenza solitaria che tenta come può di trovare il proprio posto nel mondo, diventa anomala miscela di narrativa popolare, favola, dramma psicologico e vertiginosa reinvenzione della realtà, anche grazie all?uso della sperimentazione visiva" (c.s.)

Per info e biglietteria: tel: 0521.230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: UN FIGLIO DEL NOSTRO TEMPO

QUESTA E' LA MIA VITA

Data dell'evento: dal 09.10.2021 al 10.10.2021 alle ore 21:00

Teatro Corte di Giarola, ore 21 (in replica domenica 10 ottobre alle 16.30)

(Dal comunicato stampa)

"In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, il Comune di Collecchio e l?Ente Parchi del Ducato propongono un doppio appuntamento in programma al teatro alla Corte di Giarola per sabato 9 Ottobre alle 21 e domenica 10 Ottobre alle 16.30.

Presentato in anteprima da L.O.F.T/Progetti&Teatro, la produzione teatrale ?Questa è la mia vita? segue il percorso autobiografico del vissuto di Adalgisa Conti, rinchiusa giovanissima in manicomio dov?è rimasta fino alla fine dei suoi giorni. Attraverso le sue lettere, recuperate all'interno della sua cartella clinica, il lavoro teatrale tratteggia il ricordo di Adalgisa, denunciando al tempo stesso il delitto istituzionale e culturale consumato sulla mente e sul corpo di questa donna.

Per la regia di Carlo Ferrari, che ne ha curato l?adattamento drammaturgico insieme a Sandra Soncini, attrice protagonista, e con le musiche di Patrizia Mattioli, lo spettacolo è ad ingresso gratuito con Green Pass e prenotazione obbligatori: telefono e WhatsApp 346 6716151; organizzazione.uot@gmail.com" (C.S.)

Luogo: Teatro Corte di Giarola, Collecchio
Prosegui la lettura di: QUESTA E' LA MIA VITA

I PROMESSI SPOSI ? Providence, Providence, Providence

Data dell'evento: 09.10.2021 alle ore 21:00

Nuovo Teatro di via Pini, ore 21.00

(Dal comunicato stampa)

"Sabato 9 ottobre, ore 21.00, per la stagione adulti va in scena "I PROMESSI SPOSI ? Providence, Providence, Providence" della compagnia toscana KantersStrasse. Una rilettura in chiave ironica del famoso romanzo di Manzoni che porta lo spettatore a riflettere sullo stato attuale di ?superstiti? di una pandemia che ha radicalmente cambiato la società con decisioni forti, ma necessarie, prese da altri. Un affrontare la vita con nuova speranza lottando contro gli ostacoli che si presentano togliendoci quelle libertà quotidiane alle quali non davamo il giusto valore, prima che ci venissero limitate. In scena Daniele Bonaiuti, Lorenza Guerrini, Simone Martini, Alessio Martinoli. Drammaturgia e regia Simone Martini" (c.s.)

Per prenotazioni: cell. 351 5337070 

Luogo: Nuovo Teatro di Via Pini
Prosegui la lettura di: I PROMESSI SPOSI – Providence, Providence, Providence

IL GIGANTE EGOISTA

Data dell'evento: 10.10.2021 alle ore 15:30

Nuovo Teatro di via Pini, ore 15:30 (in replica ore 17)

(Dal comunicato stampa)

"Domenica, in doppio appuntamento alle 15.30 e 17.00, sarà affidato al direttore del Teatro del Cerchio, Mario Mascitelli, il battesimo della stagione per famiglie con il suo spettacolo ?IL GIGANTE EGOISTA? tratto dal classico di Oscar Wilde. Con questa messinscena, che vede lo stesso Mascitelli sul palco, si vuole indagare con un linguaggio semplice e immediato, di delicata fascinazione poetica, adatto anche ai più piccini, il tema della relazione, dell?amicizia e della necessità di aprirsi all?altro per conoscere e scoprire la bellezza della condivisione. Protagonista sarà un gigante non amante dei bambini che comprenderà, pian piano, quanto invece i piccoli uomini possano portare gioia e luce. Far trasparire il sole dalle nubi riportando il sereno in un giardino ghiacciato. Lo spettacolo è adatto ai bambini a partire dai tre anni" (c.s.)

Solo per questa domenica per ogni adulto pagante un omaggio riservato al bambino.

Per info e prenotazioni: cell. 351 5337070 

Luogo: Nuovo Teatro di Via Pini
Prosegui la lettura di: IL GIGANTE EGOISTA

IL GIARDINO DI ADZAK

Data dell'evento: 10.10.2021 alle ore 18:00

Europa Teatri, ore 18.00

Al via il programma di appuntamenti serali di Europa Teatri. Si comincia con l'esito del laboratorio di II livello TEATRO|MUSICA, liberamente ispirato a Il cerchio di gesso del Caucaso di Bertolt Brecht, condotto da Ilaria Gerbella e Patrizia Mattioli.
 
In scena Iolanda Caroli , Greta Cuccolini , Roberta Massino , Sebastiano Milani , Federica Mori, Zena Safi , Francesca Sestito , Giuseppina Tomasello
 
Durante la serata, all'interno dello sPAZIO pICCOLO, verrà realizzata dalle ore 17.00 una proiezione dei video realizzato all'interno del Laboratorio di Regia 20|21.
 
Per maggiori info e modalità di prenotazione: tel. 0521.243377

Luogo: Europa Teatri
Prosegui la lettura di: IL GIARDINO DI ADZAK

ARSENICO E VECCHI MERLETTI

Data dell'evento: dal 12.10.2021 al 13.10.2021 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

(Dal comunicato stampa)

di Joseph Kesserling
traduzione Masolino D?Amico

con Anna Maria Guarnieri, Giulia Lazzarini

e con Maria Alberta Navello, Leandro Amato, Totò Onnis, Luigi Tabita, Tarcisio Branca, Bruno Crucitti, Francesco Guzzo, Daniele Biagini, Lorenzo Venturini

regia Geppy Gleijeses
liberamente ispirata alla regia di Mario Monicelli

produzione Gitiesse Artisti Riuniti diretta da Geppy Gleijeses

"Nella commedia noir americana del 1940 ARSENICO E VECCHI MERLETTI, in scena a Teatro Due il 12 e il 13 ottobre alle ore 20.30, il regista Geppy Gleijeses mette in scena una coppia di leggendarie signore della prosa italiana. Anna Maria Guarnieri e Giulia Lazzarini interpretano quella che il regista ha definito una ?rarissima perla?, unico testo teatrale di Joseph Kesserling che ?oscilla tra Dark Comedy e Giallo-Rosa?.

La trama del testo di Kesserling è ben nota: il critico teatrale Mortimer presenta la sua fidanzata alle due amatissime vecchie zie, ma scopre che le simpatiche zitelle hanno avvelenato con cocktail al rosolio una dozzina di coetanei soli in cerca di alloggio, seppellendo i cadaveri in cantina con l?aiuto del fratello di Mortimer. Alla famiglia di squinternati si aggiunge poi il terzo fratello, pluriomicida.
Nato per il teatro il testo ha debuttato a Broadway nel 1941 con cinque anni di repliche e Boris Karloff nel ruolo di Jonathan, ed è divenuto celeberrimo per la pellicola di Frank Capra nel 1944; in Italia il debutto si deve alla compagnia Morelli - Stoppa il 31 maggio del 1945, un mese dopo la liberazione, per poi essere messo in scena da Mario Monicelli nel 1992 con Isa Barzizza, Regina Bianchi e lo stesso Gleijeses nel ruolo di Mortimer. Ed è proprio alla regia di Monicelli a cui si ispira il lavoro di Gleijeses"


Per info e biglietteria: tel. 0521.230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: ARSENICO E VECCHI MERLETTI

UNA LECTURA DANTIS

Data dell'evento: dal 15.10.2021 al 17.10.2021 alle ore 21:00

Teatro del Tempo, ore 21.00 (in replica domenica 17 ottobre alle 17)

Poeti, saggi e donne con intelletto d'amore

con Rocco Antonio Buccarello e Fabrizio Croci
Musiche di Luca Savazzi
a cura di Simonetta Sorba e Matteo Bacchini.
produzione Teatro del Tempo


"Ricordare Dante quest'anno è sia scelta perentoria che dettata dalla passione e dalla meraviglia per il miracolo della sua poesia. La Commedia è un libro infinito e, secondo Borges, il miglior libro scritto da un essere umano. Sterminata la bibliografia, moltissimi gli studi critici, dalle analisi filologiche a quelle biografiche, che nel corso dell'anno dantesco hanno avuto eccezionali successi editoriali. Noi abbiamo voluto scegliere un piccolo percorso che, nella centralità della parola poetica, parola appassionata ma sempre ferma e potente, si snoda lungo gli incontri di Dante in Inferno con Virgilio, con Cavalcante Cavalcanti che evoca il figlio Guido, amico di Dante e poi intellettualmente distante, con Brunetto Latini, venerato maestro di insegnamenti eterni. In Purgatorio è l'incontro con Catone che, come simbolo di libertà politica, fa emergere il tema che si intreccia costantemente con la parola poetica, e cioè la sete di giustizia e l'indignazione verso la corruzione della politica e della morale, che nell'incontro con Sordello tocca uno dei punti più forti. L'incontro con l'artista Oderisi si volge con malinconia e la fierezza dell'autocitazione alla fragilità del "mondan romore" mentre il dialogo di Dante con Bonagiunta contiene la dichiarazione di poetica sul dolce stile e richiama la prima canzone della Vita Nova "Donne ch'avete?" con cui Dante inaugura le lodi di Beatrice. Dunque solo la poesia può condurre alla salvezza, alla beatitudine" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 386553 

Luogo: Teatro del Tempo
Prosegui la lettura di: UNA LECTURA DANTIS

LUCI DI CARNI

Data dell'evento: 15.10.2021 alle ore 21:00

Teatro al Parco, ore 21

(Dal comunicato stampa)

"Venerdì 15 ottobre alle 21 al Teatro al Parco, nell?ambito della Stagione Ottobre - dicembre 2021 del Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti, va in scena «Luci di carni», uno spettacolo di teatro danza prodotto da Zerogrammi, progetto e coreografia di Amina Amici, anche interprete con  Francesca Cinalli, Andrea de Luca, Riccardo Micheletti, Cinzia Sità. Lo spettacolo si rivolge a un pubblico adulto. «Luci di carni» nasce da suggestioni legate all'opera di Caravaggio, al significato che assumono la luce e l?ombra, attraverso il volume dei corpi, la loro intensità e concreta realtà. Corpi dimenticati, comuni. Luce e carne, appunto.

«Caravaggio ? spiega la coreografa - comincia la sua rivoluzione nella quiete e nella meditazione. Nella sua opera, avvicina chi guarda, ponendo i suoi soggetti nel ?nessun luogo?. Dal nulla, l?evidenza estrema di ciò che è raffigurato, balza in primo piano. Sembra, a volte, che appaiano dal buio della scena. I corpi ?sono? e poi sfumano, per poi apparire di nuovo nella loro concretezza in un gioco di volumi: corpi spogli, sapori germinali, che tagliano, ondeggiano, ricercano nell?aria ubriaca la cattura della propria nudità senza pudore,  momenti che si irradiano nel rischio e nell?assenza. Da un continuo e denso movimento, affiorano ed emergono dualità come: animalità e tecnica, effimero e seduzione, luce e ombra». (C.S.)

Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: LUCI DI CARNI

LA PANCIA DEL MONDO

Data dell'evento: dal 16.10.2021 al 17.10.2021 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30

(Dal comunicato stampa)

"Sabato 16 e domenica 17 ottobre al Teatro al Parco, nell?ambito della stagione Ottobre-dicembre 2021, va in scena "La pancia del mondo" diretto da Manuela Capece e Davide Doro e prodotto dal Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti, di cui Capece e Doro sono artisti associati. «

«La pancia del mondo e? uno spettacolo sonoro e visivo - raccontano gli autori - ispirato alle antiche cosmogonie. E? un rito collettivo, una pratica per allenarsi alla contemplazione, un viaggio che si fa insieme per imparare ad esercitare sensibilità ed empatia. Sentiamo ogni piccolo battito, il respiro del mondo, il sole e la luna, il giorno e la notte, sentiamo ogni goccia che cade e la sua eco nell?infinito. Accogliamo i simboli che sono come semi che germogliano e alleniamo l?anima perché riesca a sentire tutto quello che c?è, l?essenza profonda della Natura, il mistero, la meraviglia che si prova a contemplare il Cosmo». Ciò che accade in scena si sviluppa in una composizione che fa leva sulla forza simbolica degli oggetti e sulla dimensione ancestrale dei suoni, anziché sulla struttura chiusa e rigidamente narrativa del linguaggio verbale. Si intraprende un viaggio iniziatico verso la conquista di un tempo lento della contemplazione, cadenzato dalla percezione rilassata della bellezza degli eventi di cui è costellata la vita del cosmo e ritmato da una nuova consapevolezza delle forme stupefacenti della natura. È un immaginario archetipico e fiabesco, entro il quale si colloca una precisa galleria di oggetti simbolici, ciascuno dei quali è frutto di una precisa scelta iconologica, che rimanda al mistero in cui affonda l?origine del cosmo, al mistero di cui fa parte la stessa natura, al mistero che questo spettacolo vuole invitare a contemplare con la rituale lentezza e la gioiosa rilassatezza con cui in Giappone si contempla un giardino zen" (c.s.)

Spettacolo tout public a partire da tre anni.

Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: LA PANCIA DEL MONDO

I SOGNATORI

Data dell'evento: dal 16.10.2021 al 17.10.2021 alle ore 21:00

Teatro al Parco, ore 21 (in replica domenica 17 ottobre alle 17.30)

(Dal comunicato stampa)

"Un?utopia fragile impersonata da tre sognatori, tre cantori di piccole visioni, ultimi degli ultimi ma possessori della qualità innata dell?infanzia: la fantasia, l?immaginazione. Tre testimoni involontari della scoperta che ?tutto è foderato di infanzia?, come ha scritto Witold Gombrowicz, che tutto è quindi sempre instabile e incompiuto, anche per chi si persuade che l?età adulta si accompagni  alla conquista di solide certezze e granitiche solidità. Si chiamano Gigante, Cico e Pallina i «sognatori» che danno il titolo alla creazione, avviata nel 2020 come omaggio a Federico Fellini nel Centenario della nascita, e giunta al debutto lo scorso 24 giugno, primo appuntamento della nuova rassegna estiva che si è svolta all?Arena del Teatro al Parco. Erica Meucci, Giuseppe Claudio Insalaco e Piergiorgio Gallicani sono tre clown improbabili, tre cantori di piccoli deliri bizzarri. La loro storia è la storia di tre cercatori della luna.  «Le celebrazioni del centenario della nascita di Federico Fellini ? spiegano gli autori - sono state l?occasione per avviare una riflessione sulla necessità di coltivare la capacità di immaginazione tipica del bambino, quello straordinario talento che appartiene all?infanzia di muoversi liberamente tra verità e finzione, tra reale e immaginario». Ne è nato un viaggio onirico, in cui si incontrano le maschere di una vita immaginata. «E? un minuscolo cabaret un po? rétro ? proseguono Capece e Doro - dove emerge l?idea di un mondo libero, anticonformista, privo di convenzioni e paure, aperto ad un movimento incessante.  E in questo microcosmo anarchico si fa un pezzo di strada insieme, gli uni vicini agli altri, così come insegna l?arte circense» (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: I SOGNATORI

BIANCA

Data dell'evento: 17.10.2021 alle ore 11:00

Bosco di Corniglio, Albergo Ghirardini, ore 11

Bianca.
Suona nelle notti un suono di Diana

parole e suoni dalla deportazione
Nella ricorrenza
dell'eccidio di Bosco
del 17 ottobre 1944

voce Sandra Soncini

musica ed esecuzione Adriano Engelbrecht

"Si terrà a Bosco di Corniglio, nella ricorrenza dell'eccidio di Bosco avvenuta nel 1944, lo spettacolo di Ermo Colle Teatro ?Bianca. Suona nelle notti un suono di Diana. Parole e suoni della deportazione?. La voce di Sandra Soncini e la musica e l'esecuzione di Adriano Engelbrecht per ricordare ciò che proprio il 17 ottobre a Bosco accadde. Peculiarità dell'Associazione Ermo Colle è la condivisione, sul territorio, degli eventi che hanno caratterizzato la nostra terra e un impegno per ricordare e far conoscere alle giovani generazioni attraverso l'arte. Una voce femminile e il suono di un violino per restituire, attraverso un monologo/lettura intenso, duro, lucido ed asciutto, una serie di brani tratti dalla testimonianza di Bianca Paganini Mori, prigioniera politica, deportata in Germania, nel campo di concentramento di Ravensbrück. La partecipazione delle donne alla lotta di Liberazione dal nazi-fascismo è difficilmente misurabile e valutabile per il ruolo nascosto e ?dietro le quinte? che questo svolge. Emerge dal loro raccontare che la scelta antifascista è nata in loro quando erano ancora ragazzine e quindi la scelta politica al momento della "resistenza" è stata cosa naturale. La presenza femminile è costante nella gestione ?ai margini? delle operazioni di lotta clandestina dei partigiani; è raramente in primo piano nelle azioni di combattimento ma è un ruolo chiave nella cornice organizzativa della Resistenza. Anche se, alla fine della lotta armata, la stragrande maggioranza delle donne non si fece avanti per ritirare medaglie e riconoscimenti. Al loro rientro in patria spesso si videro opporre un muro di disinteresse, di incomprensione, di diffidenza e talora persino di ostilità. "Se fossero state a casa, - pensavano e dicevano o lasciavano intendere molti - non sarebbero state deportate! I guai sono andate a cercarseli!" Né si risparmiavano loro umiliazioni come le avvilenti visite che molte di esse subirono negli Ospedali militari italiani. Un'opportunità, dunque, con questa lettura, di rivalutare e riconsegnare ai nostri giorni, l'importanza di non dimenticare ciò che è accaduto e di restituire un ruolo fondamentale alle figure femminili e al loro operato" (Dal comunicato stampa)

Lo spettacolo rientra nella programmazione annuale del Palio Ermo Colle.

Per info e prenotazioni: 342 1370224

Luogo: Bosco di Corniglio
Prosegui la lettura di: BIANCA

IL PRINCIPE RANOCCHIO

Data dell'evento: 17.10.2021 alle ore 17:00

Nuovo Teatro di via Pini, ore 17.00

con Chiara Casoli e Gabriella Carrozza.

Regia Mario Mascitelli.

"Traendo spunto dalla difficile ma purtroppo attuale tematica della diversità, intesa non solo come differenza di aspetto fisico ma anche come diversa capacità di relazionarsi con gli altri, ci siamo chiesti cosa avverrebbe se una bambina, una come tante, giocando a fare la principessa nella sua cameretta incontrasse un goffo e brutto ranocchio, desideroso di piacerle e diventare suo amico. Nella favola, si sa, basta un bacio per trasformalo in un principe e scrivere un magico lieto fine, ma nella realtà questa trasformazione potrebbe riservare spiacevoli sorprese? e se il principe fosse vanitoso, superbo e antipatico e la bambina-principessa preferisse il ranocchio, più brutto ma simpatico e sincero? L'attrice (Chiara Casoli) accompagnata da grossi e buffi pupazzi (animati da Gabriella Carrozza, che veste anche i panni della mamma) scoprirà, insieme a grandi e piccini, come il vero valore sia l'essere sé stessi perché ognuno, a modo suo, è diverso e speciale" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 351 5337070

Luogo: Nuovo Teatro di Via Pini
Prosegui la lettura di: IL PRINCIPE RANOCCHIO