Febbraio 2019

IL MALATO IMMAGINARIO

Data dell'evento: dal 01.02.2019 al 02.02.2019 alle ore 21:00

Teatro del Cerchio, ore 21

di Molière

con Mario Mascitelli, Gabriella Carrozza, Mario Aroldi, Maria Pia Pagliarecci, Damiano Camarda, Chiara Casoli, Giulio Landini, Mattia Scolari, Giovanni Pazzoni, Alfredo Biondolillo e Pier Marra.

Regia di Antonio Zanoletti

"Un grande classico del teatro per raccontare una storia più attuale che mai. Con la regia di Antonio Zanoletti, il Teatro del Cerchio porta in scena "Il Malato Immaginario" in una veste più moderna, se pur fedele nel testo all'opera originale del celebre commediografo francese. Una scelta dettata dalla necessità di riflettere sulla tremenda attualità della commedia di Molière. Spogliando gli attori degli sfarzosi abiti d'epoca, infatti, appare evidente la modernità di Argante: la sua ossessione per la medicina sembra all'improvviso coincidere con la paura del dolore che caratterizza la nostra società e che ci consacra al culto effimero dell'eterno benessere."

Per info e prenotazioni: 331 8978682

Luogo: Teatro del Cerchio
Prosegui la lettura di: IL MALATO IMMAGINARIO

WOW

Data dell'evento: 02.02.2019 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30 e ore 18.00

regia di Beatrice Baruffini
con Giulia Canali e Alessandro Maione
Collaborazione alla drammaturgia Riccardo Reina
Produzione Teatro delle Briciole
 
(dai 3 anni e per chi legge, facilmente, tra le righe)
 
«Io spero che il libretto possa essere ugualmente utile a chi crede nella necessità che l?immaginazione abbia il suo posto nell?educazione; a chi ha fiducia nella creatività infantile; a chi sa quale valore di liberazione possa avere la parola. ?Tutti gli usi della parola a tutti? mi sembra un buon motto, dal bel suono democratico. Non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo».
(Gianni Rodari, Grammatica della fantasia)
 
"Wow, si chiamava. 
Era difficile da dire, da scrivere e da disegnare.  A volte lo facevano solo testa. Senza occhi, né bocca. Tutto testa, da rotolare e rimbalzare, assomigliava a un biscotto. A volte lo scrivevano solo gambe, da camminare e correre. Come una montagna. Di spigoli e discese sulla neve.
Un giorno il suo nome si ruppe in tre parti. La testa rimbalzò a terra, il corpo volò in mare, nella burrasca e in cielo, tra le stelle e i marziani. Rimbalzarono da una parte all?altra. Impararono a nuotare, a volare, a trasformarsi in animale. Conobbero la paura, il dolore, la tristezza, l?amicizia, il gioco. Impararono a litigare, a urlare, a piangere fino a riempire il mare. Fecero tutto ciò che c?era da fare, per crescere, cambiare, e ritrovarsi nuovamente insieme. 
Questa storia è un gioco di parola. Una danza a tre lettere che non devono essere lette. Una scomposizione grafica per emozioni. Un componimento di segni dello stupore. È uno scherzo che abbiamo fatto alla lingua scritta.
Siamo partiti da una parola fatta da sole due lettere. La O e la W. La prima rotonda, l?altra una spigolosa. Una del nostro alfabeto, l?altra no. Viene da terre lontane. Forse è piovuta dal cielo, forse dal mare. Due lettere, due segni, due suoni, due immagini, due caratteri, due pezzi di mondo, indispensabili uno all?altro per conoscersi, per leggersi e per raccontarsi." (c.s.)
 
Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: WOW

LA BISBETICA DOMATA

Data dell'evento: dal 02.02.2019 al 03.02.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

di William Shakespeare
adattamento e traduzione Angela Demattè

con (in ordine alfabetico)
Angelo Di Genio
Ugo Fiore
Tindaro Granata
Igor Horvat
Christian La Rosa
Walter Rizzuto
Rocco Schira
Massimiliano Zampetti

Regia Andrea Chiodi 

Produzione LuganoInScena
in coproduzione con LAC Lugano Arte e Cultura e Teatro Carcano, Centro d?Arte Contemporanea di Milano

"The Taming of the Shrew è innanzitutto un esperimento sul potere manipolatorio della parola. Shakespeare comincia a mostrarci il fascino e la terribilità del linguaggio, il suo potere di cambiare la realtà. Quale parola preferiamo? Quella vitale ma indomabile e fuori dalla società dell?indiavolata Caterina o quella trasformata, terribile ma potente della sua sottomissione? A questa domanda la risposta pare essere facile. Eppure bisogna guardare Petruccio e le sue strategie, guardare Tranio e le sue manovre e sentirsi presi e affascinati da essi, allora sarà più difficile decidere, sia che siamo donna o uomo, giovane o vecchio. La lingua è magica. La sua ambiguità lavora dentro di noi. Star davanti alla società umana, che è vita e dilemma, che può precipitare nel caos, può essere molto problematico.
Il genio di Shakespeare ci fa sentire la tentazione di un ordine assoluto, definitivo. È il potere della parola coercitiva, anche se irragionevole. Petruccio, sempre con la parola, ci rende partecipi della sua soddisfazione. Ecco che Caterina cede, si sottomette. Impara a non compromettere più la parola con la vita, con le emozioni e i sentimenti. Impara ad usarla come arma, strumento di potere e di coercizione. E così riporta l?ordine dentro una società che ha perso forza perché ha perso la sacralità della parola. Una donna, Caterina, che per avere un posto nella società si fa uomo, parla come un uomo di potere, con dolore si sottomette per diventare la regina della casa. È un?astuzia terribile e amara, piena di una finta rivalsa, il cui eco arriva fino a oggi. Una commedia tutta da ridere, fatta di atrocità e strani rapporti, dove l?amore non è amore ma interesse, dove la finzione è uno dei primi ingredienti." (c.s.)
 
Per info e prenotazioni: 0521 230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: LA BISBETICA DOMATA

BIANCA

Data dell'evento: 02.02.2019 alle ore 21:00

Teatro alla Corte di Giarola, Collecchio (PR), ore 21

Produzione A.C. Civilleri / Lo Sicco

ideazione e regia Sabino Civilleri e Manuela Lo Sicco 

con Manuela Lo Sicco, Filippo Farina, Simona Malato


"Bianca è il nome di una donna. Si manifesta dal buio, arroccata in cima alla torre della sua solitudine, come rapita da un incantesimo. Attraversa mondi sterminati alla ricerca della sua identità di donna, condizione primaria, che le permetterà di generare l?unica parola vera in risposta alla sofferenza della sua esistenza. Bianca è uno spettacolo fisico, legato al corpo degli attori, per quell?aura che li avvolge e li rende segni profondi della scena." (c.s.)

Per info e prenotazioni: tel. 346 6716151

Luogo: Teatro alla Corte di Giarola
Prosegui la lettura di: BIANCA

IN NOME DEL PADRE

Data dell'evento: 02.02.2019 alle ore 21:15

Teatro di Ragazzola, ore 21.15

uno spettacolo di e con Mario Perrotta

Consulenza alla drammaturgia Massimo Recalcati

collaborazione alla regia Paola Roscioli

Aiuto regia Donatella Allegro

Produzione Teatro Stabile di Bolzano e Permàr

 

"I figli adolescenti sono gli interlocutori disconnessi dei dialoghi mancati dei padri, l?orizzonte comune dei tre padri dello spettacolo, diversissimi tra loro per estrazione sociale e provenienza geografica. A forza di sbattere i denti sullo stesso muro, smussano le loro differenze per ricomporsi in un?unica figura, incapaci di altre parole. Uno sguardo sul presente per indagare la mutazione delle famiglie millenials e quanto di universale, eterno, resta ancora" (c.s.)

Per info e prenotazioni: cell. 339 5612798  

Luogo: Teatro di Ragazzola
Prosegui la lettura di: IN NOME DEL PADRE

PANE, AMORE E FANTASIA

Data dell'evento: 03.02.2019 alle ore 15:30

Teatro del Cerchio, ore 15.30 e ore 17.00

Alle 15.30 "IL RE SOLOSOLETTO"

con Mario Aroldi e Gabriella Carrozza

Regia Mario Mascitelli

"Uno spettacolo a cura del Teatro del Cerchio e ispirato al racconto di Rafael Estrada. La storia è quella di un re, rimasto completamente da solo nel suo regno povero e disabitato. Essendo ormai l'unico abitante, il re non ha sudditi. Non ha un cuoco, né un giullare, né un comandante per difendersi dai nemici; deve quindi far da sè tutto il necessario per mandare avanti il regno. Ma il re soffre molto la solitudine, non ha nemmeno una moglie con cui trascorrere le giornate; così finisce per organizzare una sfarzosa cerimonia di matrimonio dove si sposa con se stesso. Sarà l'arrivo fortuito di una pastorella di passaggio a cambiare la sorte del regno e a far tornare il sorriso sul volto malinconico del re Solosoletto"

Alle 16.30 merenda offerta dal teatro

Alle 17 "IL RIPOSTIGLIO DELLE FIABE"

con Mario Aroldi, Martina Vissani e Gabriella Carrozza

Regia Mario Mascitelli
 
"Una storia di amicizia e creatività ambientata in una grotta, il luogo dove vanno a finire i personaggi delle fiabe quando queste non vengono lette. È li che si ritrovano alcuni protagonisti delle storie più famose che, in attesa di un lettore, ingannano il tempo raccontandosi di avventure nuove e sconosciute, sperando di poter uscire dalla grotta per realizzare i propri sogni. Uno spettacolo per rendere omaggio ad alcuni dei personaggi che hanno incantato generazioni di bambini."
 
Per info e prenotazioni: 331 8978682
 

Luogo: Teatro del Cerchio
Prosegui la lettura di: PANE, AMORE E FANTASIA

CABARET DES ARTISTES- IL GATTO NERO

Data dell'evento: dal 08.02.2019 al 10.02.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

con 
Laura Cleri, Cristina Cattellani, Paola De Crescenzo, Davide Gagliardini, Luca Nucera, Massimiliano Sbarsi, Nanni Tormen, Marcello Vazzoler, Emanuele Vezzoli, Nicola Nicchi, Carlo Sella, Francesca Tripaldi
e con Roberta Bonora, Alessio Del Mastro, Ilaria Mustardino, Chiara Sarcona, Maria Sessa

KLEINE KABARETT ORCHESTRA:
Anna Vita, tromba
Elena Vita, sax
Simona Cazzulani, violino
Alessandra Mauro, pianoforte
Denise Miraglia, batteria

Musiche Alessandro Nidi
Scene Tiziano Santi
Costumi Gabriele Mayer
Luci Claudio Coloretti

Produzione
Fondazione Teatro Due

 

Di sicuro c?è solo una cosa: verremo accolti da un willkommen molto speciale, un pezzo di musica dal vivo, che è anche canzone, che è anche spettacolo. Tutto il resto è in mano agli Attori, che allestiranno serate piene di numeri teatrali e musicali per ogni palato: un gioco cólto affrontato con leggerezza e ironia.
L?Ensemble Attori Teatro Due, insieme ad altri artisti, attori e cantanti, darà vita a serate animate anche dalla musica dal vivo della Kleine Kabarett Orchestra, per una serie di cinque spettacoli in cui il pubblico potrà esprimere la sua preferenza e rivedere i pezzi che ha apprezzato di più in una serata di grandi successi.
Ogni puntata ha come filo conduttore un tema, un argomento che dà il la al divertissement che spazia tra canzoni, poesie, pezzi teatrali e tanto altro. Con una particolarità: il pubblico sarà completamente immerso in quello che succede, interagirà con gli attori e, oltre a poter bere un drink mentre guarda lo spettacolo, potrà anche farsi trasportare dalla musica e ballare!
Insomma un cabaret diverso dal solito, in cui a farla da padroni sono la wit e ?il motto di spirito?, quello di Freud. Un cabaret che del cabaret ha la forma, ma in cui ogni sera accade ?qualcosa di completamente diverso?.

E allora: benvenuti, welcome, bienvenues, wilkommen al Cabaret des Artistes!

Per info e prenotazioni: 0521 230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: CABARET DES ARTISTES- IL GATTO NERO

GARBATELLA

Data dell'evento: 09.02.2019 alle ore 21:00

Teatro del Cerchio, ore 21

(racconto teatrale da ?Una Vita Violenta? di Pier Paolo Pasolini)

di e con Julia Borretti e Titta Ceccano

Musiche in scena Roberto Caetani

Regia Julia Borretti

Una produzione Matutateatro

 

"La storia d?amore tra Irene e Tommaso nella Roma degli anni Cinquanta, la lingua sperimentale di Pasolini, le canzoni romane di una volta. Un concerto per voci recitanti e chitarra, un lavoro che guarda al teatro di narrazione." (c.s.)

Per info e prenotazioni: 331 8978682

 

Luogo: Teatro del Cerchio
Prosegui la lettura di: GARBATELLA

COUS COUS KLAN

Data dell'evento: 09.02.2019 alle ore 21:00

Teatro al Parco, ore 21

drammaturgia di Gabriele Di Luca
Regia di Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi
con Angela Ciaburri (Nina), Alessandro Federico (Aldo), Pier Luigi Pasino (Mezzaluna), Beatrice Schiros (Olga), Massimiliano Setti (Caio), Alessandro Tedeschi (Achille)
 
voce fuori campo Andrea Di Casa
musiche originali Massimiliano Setti
scene Maria Spazzi, assistente alle scene Aurelio Colombo
costumi Erika Carretta
luci e direzione tecnica Giovanni Berti, allestimento Nicolò Ghio
illustrazione Federico Bassi
foto di scena Laila Pozzo
organizzazione Luisa Supino, ufficio stampa Raffaella Ilari
uno spettacolo di Carrozzeria Orfeo 
in coproduzione con Marche Teatro, Teatro dell?Elfo, Teatro Eliseo
in collaborazione con Fondazione Teatro della Toscana, La Corte Ospitale - residenze artistiche 
 
Dopo lo spettacolo la compagnia incontra il pubblico, conduce Vincenza Pellegrino, docente dell?Università di Parma.
 
"In tutto il mondo l?acqua è stata privatizzata. Ormai da dieci anni, fiumi, laghi e sorgenti sono sorvegliati dalle guardie armate del governo, che non permettono a nessuno di avvicinarsi alle fonti idriche.
Il divario tra ricchi e poveri è allarmante e mentre i primi vivono all?interno delle cosi dette recinzioni, ovvero città recintate da filo spinato e sorvegliate da telecamere di sicurezza, i secondi tentano di sopravvivere al di fuori di esse lottando ogni giorno contro la mancanza di cibo e di acqua.
In un parcheggio abbandonato e degradato dietro ad un cimitero periferico, sorge una micro comunità di senzatetto, all?interno della quale sono parcheggiate due roulotte fatiscenti. Nella prima ci vivono tre fratelli: Caio, ex prete nichilista e depresso, Achille, sordomuto e irrequieto, e Olga, la sorella maggiore, obesa e con un occhio solo. Nell?altra roulotte ci vive Mezzaluna, il precario compagno di Olga, un musulmano, immigrato in Italia ormai da dieci anni, che per sopravvivere seppellisce rifiuti tossici per un?associazione criminale di giorno e lavora come ambulante di notte. Presto alla comunità, già logorata da continui conflitti razziali ed interpersonali per la sopravvivenza, si aggiungerà Aldo, un medio borghese, elegante e maturo, che dopo un grave problema famigliare si è ritrovato a dormire per strada. Ma a sconvolgere il già precario equilibrio di questa comunità sarà Nina, una ragazza ribelle e indomabile, un?anima sospesa ed imprevedibile, che si rivelerà al tempo stesso, il più grande dei loro problemi e la chiave per il loro riscatto sociale." (c.s.)
 
Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: COUS COUS KLAN

ANGELI SCAPESTRATI

Data dell'evento: 09.02.2019 alle ore 21:15

Europa Teatri, ore 21.15

di e con Francesco Marchi

 

"Basato su fatti realmente accaduti, Angeli scapestrati è un monologo teatrale a cavallo tra la narrazione e l?orazione civile.
Attraverso vicende ed aneddoti si affronta la storia della Regia Aeronautica dal punto di vista di alcuni dei suoi piloti. Lo spettacolo parte dai mesi appena precedenti alla dichiarazione di guerra, passando per l?armistizio dell?8 settembre 1943, per poi arrivare ai piloti che si unirono ai cobelligeranti al Sud e alla A.N.R. al nord.
Per ogni atto di barbara follia a cui la guerra porta l?uomo, nella guerra condotta dall?aviazione se ne possono trovare altrettanti di inimmaginabile umanità, spesso intercorsi tra parti avverse." (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 243377

Luogo: Europa Teatri
Prosegui la lettura di: ANGELI SCAPESTRATI

ESCARGOT

Data dell'evento: 10.02.2019 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30

(L?eterna bellezza delle piccole cose)
di e con Danila Barone
Regia antonio Panella
Produzione Teatro del Piccione
con la collaborazione di Cristina Cazzola. 
Co-produzione Fondazione Luzzati - Teatro della Tosse all?interno del progetto Tandem Europe - Project What is Home?
 
(dai 3 anni)
 
"Casa è il luogo sicuro, la tana, il focolare. 
Casa è il punto fermo che dà sicurezza. Da cui partire e a cui ritornare. 
E? l?archetipo dello stare, del costruire. 
Ma se la casa è una chiocciola, se il punto fermo è in continuo movimento allora stare e muoversi si intrecciano e si sovrappongono. 
Il paradosso del movimento stanziale prende forma, ritmo e spazio.
La forma è quella della spirale, che incarna perfettamente il bisogno di mutamento costante, di ricerca e di scoperta .
Il ritmo è quello lento e costante, che si impone alla frenesia del mondo civile ma al tempo stesso si adatta alle regole del ritmo naturale 
Lo spazio è quello possibile, quello che segue i limiti ed i confini delle proprie risorse, energie e necessità. Si arriva fin dove si vuole e si può.
 
Una chiocciola -una Escargot- una creatura di genere, età e provenienza indefinita, si aggira con andamento costante e leggero. Porta con sé una casa-bagaglio. Nel suo viaggiare, nel suo migrare, nel suo attraversare le stagioni incontra persone , luoghi e mondi. 
Li porta con sé. Li conserva nel suo guscio di memoria e li regala in un incontro poetico e lieve, restituendoli in forma di racconto. Lasciando dietro di sé il segno del suo stare.
Senza fretta e con stupita meraviglia.
Lo spettacolo è rivolto alle bambine e ai bambini dai 30 mesi. Alle loro case e alle loro famiglie." (c.s.)
 
Per info e prenotazioni: 0521 992044 
 

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: ESCARGOT

PICCOLO PRINCIPE

Data dell'evento: 10.02.2019 alle ore 17:00

Teatro del Cerchio, ore 17

(dal racconto di Antoine de Saint-Exupéry)

di e con Julia Borretti e Titta Ceccano
Musica dal vivo Roberto Caetani
Regia Matutateatro

"Un classico che, a più di settant?anni dalla sua pubblicazione, non smette di commuovere grandi e piccini. ?Piccolo principe? è un invito a riscoprire e custodire con cura il bambino che è in noi, un elogio alla grandezza delle piccole cose. Uno spettacolo che affronta tematiche universali con la leggerezza di un racconto per l?infanzia" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 331 8978682

Luogo: Teatro del Cerchio
Prosegui la lettura di: PICCOLO PRINCIPE

CABARET DES ARTISTES- LA FORMICA NUDA

Data dell'evento: dal 14.02.2019 al 17.02.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

con 
Laura Cleri, Cristina Cattellani, Paola De Crescenzo, Davide Gagliardini, Luca Nucera, Massimiliano Sbarsi, Nanni Tormen, Marcello Vazzoler, Emanuele Vezzoli, Nicola Nicchi, Carlo Sella, Francesca Tripaldi
e con Roberta Bonora, Alessio Del Mastro, Ilaria Mustardino, Chiara Sarcona, Maria Sessa

KLEINE KABARETT ORCHESTRA:
Anna Vita, tromba
Elena Vita, sax
Simona Cazzulani, violino
Alessandra Mauro, pianoforte
Denise Miraglia, batteria

Musiche Alessandro Nidi
Scene Tiziano Santi
Costumi Gabriele Mayer
Luci Claudio Coloretti

Produzione
Fondazione Teatro Due

 

"Di sicuro c?è solo una cosa: verremo accolti da un willkommen molto speciale, un pezzo di musica dal vivo, che è anche canzone, che è anche spettacolo. Tutto il resto è in mano agli Attori, che allestiranno serate piene di numeri teatrali e musicali per ogni palato: un gioco cólto affrontato con leggerezza e ironia.
L?Ensemble Attori Teatro Due, insieme ad altri artisti, attori e cantanti, darà vita a serate animate anche dalla musica dal vivo della Kleine Kabarett Orchestra, per una serie di cinque spettacoli in cui il pubblico potrà esprimere la sua preferenza e rivedere i pezzi che ha apprezzato di più in una serata di grandi successi.
Ogni puntata ha come filo conduttore un tema, un argomento che dà il la al divertissement che spazia tra canzoni, poesie, pezzi teatrali e tanto altro. Con una particolarità: il pubblico sarà completamente immerso in quello che succede, interagirà con gli attori e, oltre a poter bere un drink mentre guarda lo spettacolo, potrà anche farsi trasportare dalla musica e ballare!
Insomma un cabaret diverso dal solito, in cui a farla da padroni sono la wit e ?il motto di spirito?, quello di Freud. Un cabaret che del cabaret ha la forma, ma in cui ogni sera accade ?qualcosa di completamente diverso?. (c.s.)

E allora: benvenuti, welcome, bienvenues, wilkommen al Cabaret des Artistes!

Per info e prenotazioni: 0521 230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: CABARET DES ARTISTES- LA FORMICA NUDA

OVERLOAD

Data dell'evento: 15.02.2019 alle ore 21:00

Teatro al Parco, ore 21

Premio Ubu 2018 "Spettacolo dell`anno"
 
concept, regia e produzione: Sotterraneo
in scena Sara Bonaventura, Claudio Cirri, Lorenza
Guerrini, Daniele Pennati, Giulio Santolini
scrittura Daniele Villa
 
coproduzione Teatro Nacional D. Maria II nell?ambito
di APAP - Performing Europe 2020, Programma Europa
Creativa dell?Unione Europea
 
Dopo lo spettacolo la compagnia incontra il pubblico, conduce Roberta Gandolfi, docente dell?Università di Parma.
 
"Fra distrazioni di massa e mutazioni digitali, ci muoviamo immersi in un ambiente aumentato dai media. Sovrastimolati dalle informazioni, viviamo in uno stato di allerta continua che gli antichi conoscevano solo in battaglia. Il rumore di fondo cresce in tutto il pianeta. Non dovremmo forse fare più silenzio e scegliere a cosa prestare attenzione?
Overload è un esperimento di ipertesto teatrale: a partire da un discorso centrale, i performer offrono continuamente dei collegamenti a contenuti nascosti che innescano possibili azioni e immagini. Il pubblico ha la facoltà di rifiutare i collegamenti e continuare a seguire il discorso, oppure di attivarli, allontanandosi dal centro dello spettacolo e perdendosi in un labirinto di distrazioni, attraverso una rincorsa continua al frammento che è molto simile alla nostra esperienza quotidiana. A condurre il discorso al centro di tutto è lo scrittore americano David Foster Wallace, autore che sentiamo vicino in molte delle sue ossessioni: il ruolo dei media nelle trasformazioni della società contemporanea, l?industria dell?entertainment e la sua pervasività, la capacità delle nuove tecnologie di frammentare la nostra esperienza e disabituarci alla profondità. Al tempo stesso però Wallace è autore di opere labirinto, sovraccariche quanto divertenti, in cui il lettore si smarrisce e incanta, in cui lunghissime note a piè di pagina e diagrammi di flusso creano un?esperienza di fruizione orizzontale che ci trasmette la sensazione di aver perso il senso compiuto della vicenda narrata.
Chi meglio di lui potrebbe esporre una riflessione sull?ecologia dell?attenzione a un pubblico che viene continuamente chiamato a distrarsi?" (c.s.)
 
SOTTERRANEO FA PARTE DEL PROGETTO FIES FACTORY, DEL NETWORK EUROPEO APAP - PERFORMING EUROPE 2020 ED È RESIDENTE PRESSO L`ASSOCIAZIONE TEATRALE PISTOIESE"
 
Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: OVERLOAD

CAPPUCCETTO ROSSO

Data dell'evento: 17.02.2019 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30

(La luna nel letto/Tra il dire e il fare)
 
Drammaturgia, regia, scene e luci Michelangelo Campanale
con i danzatori EleinaD Claudia Cavalli, Erica Di Carlo, Francesco Lacatena, Marco Curci, Roberto Vitelli
 
(dai 5 anni)
 
La biblioteca di @lice sarà presente sarà presente con una vetrina tematica di libri.
 
"Un lupo si prepara a cacciare. Qualsiasi animale del bosco, può andar bene; l?importante è placare la fame. Ma la sua preda preferita è Cappuccetto Rosso. Come in un sogno ricorrente o in una visione, cura ogni dettaglio della sua cattura: un sentiero di fiori meravigliosi è l?inganno perfetto. Questo però gli costerà la vita. Così è scritto, da sempre. In questo show che chiamiamo vita, egli non è soltanto un lupo, ma IL LUPO, che non vince? ma non muore mai. 
Michelangelo Campanale dirige un gruppo di danzatori-acrobati affrontando la più popolare tra le fiabe: Cappuccetto Rosso, che arriva da lontano e grazie alla scrematura del tempo racconta argomenti legati alla vita, in maniera semplice, ma esatta. Le relazioni tra i personaggi e la dinamica della storia si rivelano sulla scena attraverso il corpo, il linguaggio non parlato, ispirato all?immaginario dei cartoni animati di inizio ?900; le luci, i costumi e le scene si compongono in una danza di simboli, citazioni pittoriche (Goya, Turner, Bosch, Leonardo da Vinci), che ridisegnano la fiaba con la semplicità di ciò che vive da sempre e per sempre.(c.s.)
 
SPETTACOLO VINCITORE FESTEBA? 2018
 
PREMIO INFOGIOVANI YOUNG&KIDS FIT FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL TEATRO E DELLA SCENA CONTEMPORANEA ? LUGANO
 
Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: CAPPUCCETTO ROSSO

HANSEL E GRETEL

Data dell'evento: 17.02.2019 alle ore 16:30

Europa Teatri, ore 16.30

liberamente ispirato alla fiaba Hänsel e Gretel dei Fratelli Grimm
Spettacolo adatto dai 4 anni

con Marco Musso e Chiara Rubes

Regia Ilaria Gerbella

Produzione Europa Teatri

 

"Fin dalla primissima lettura della fiaba appare subito chiaro che con Hänsel e Gretel ci troviamo di fronte a una classica fiaba iniziatica; ne sono segni inequivocabili l?abbandono dei bambini nel bosco e il raggiungimento della casetta nella foresta. La storia di Hänsel e Gretel, dunque, descrive inequivocabilmente un percorso di crescita e il passaggio da una condizione infantile a una adulta.
È interessante osservare, esaminando le vicende dei due bambini smarriti nel bosco, come l?iniziativa passi continuamente da l?uno all?altro: nella fase di apertura è Hänsel ad ideare lo stratagemma dei sassolini bianchi che consentirà ad entrambi di fare ritorno a casa. C?è quindi un compito assegnato al maschio e uno alla bambina, e proprio grazie alla loro duplicità riescono a superare tutti gli ostacoli propri del percorso di crescita che è stato stabilito per loro. Ma noi adulti sappiamo che i singoli personaggi della fiaba sono semplici metafore di comportamenti e modalità psichiche. I due bambini della fiaba, con i loro compiti, le loro paure e le loro vittorie, sono in realtà un unico bambino reale, una sola persona, alla quale la fiaba parla. E raccomanda a quel bambino di riuscire ad essere contemporaneamente sia Hänsel che Gretel, sia maschio che femmina. Solo così tutte le prove, anche le più ardue, saranno accessibili e il percorso verso l?età adulta sarà compiuto. In questo modo, infine, Hänsel e Gretel avranno energie superiori a quelle della strega; non le permetteranno di derubarli attraverso il pasto, anzi saranno loro che si impossesseranno di tutte le sue ricchezze e si avvieranno così al ritorno verso il mondo reale e quotidiano.
In scena due soli attori, una figura femminile e una maschile, che assumeranno nel corso dello spettacolo le sembianze dei vari personaggi della fiaba: i genitori, la strega, gli animali del bosco." (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 243377

Luogo: Europa Teatri
Prosegui la lettura di: HANSEL E GRETEL

ABU SOTTO IL MARE

Data dell'evento: 17.02.2019 alle ore 16:30

Teatro alla Corte di Giarola, Collecchio, ore 16.30

di e con Pietro Piva | musiche e tecnica Paolo Falasca

Produzione: Accademia Perduta

Menzione speciale Premio Scenario Ustica 2017

"Abu sotto il mare nasce da una fotografia che punge: quella di un bambino dentro a una valigia passato ai raggi X alla dogana di Ceuta. Lo spettacolo è la versione di quel bambino e del viaggio che ha affrontato, di come lui immagina che siano andate le cose o di come sarebbero potute andare." (c.s.)

(spettacolo dagli 8 anni(

Per info e prenotazioni: 346 6716151 

Luogo: Teatro alla Corte di Giarola
Prosegui la lettura di: ABU SOTTO IL MARE

WHEN THE RAIN STOPS FALLING

Data dell'evento: dal 20.02.2019 al 23.02.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

di Andrew Bovell

(traduzione Margherita Mauro)

con

Caterina Carpio ? Gabrielle York (vecchia)
Marco Cavalcoli ? Gabriel York
Lorenzo Frediani ? Andrew Price
Tania Garribba ? Elizabeth Perry in Law (vecchia)
Fortunato Leccese ? Gabriel Law
Anna Mallamaci ? Gabrielle York (giovane)
Emiliano Masala ? Henry Law
Camilla Semino Favro ? Elizabeth Perry in Law (giovane)
Francesco Villano ? Joe Ryan

regia Lisa Ferlazzo Natoli

un progetto di lacasadargilla e Alessandro Ferroni

produzione Emilia Romagna Teatro ? Teatro di Roma
in coproduzione con Fondazione Teatro Due
con il sostegno di Australian Embassy-Rome e Quantas

 

(La recita del 20 febbraio è uno spettacolo peciale per l?Oncologia di Parma. Il ricavato sarà devoluto a ?Verso il sereno?)

 
 

"Sta piovendo. Gabriel York aspetta l?arrivo del figlio che non vede da quando questo aveva sette anni: ?So cosa vuole. Vuole quello che tutti i giovani vogliono dai loro padri. Vuole sapere chi è. Da dove viene. Dove sia il suo posto. E per quanto ci provi non so cosa dirgli.?. E? questo l?inizio di una saga familiare, un viaggio ?genealogico? nella memoria, le eredità e l?abbandono, che ci porta ? avanti e indietro nel tempo, dal 1959 fino al 2039 ? alle soglie di un incredibile diluvio torrenziale in cui il passato si materializza in forma di valigia e un pesce caduto dal cielo ha il sapore eccentrico e favoloso della pioggia di rane in Magnolia di Anderson. When the Rain Stops Falling racconta del tempo come sapere e dimenticanza, sapore e leit motiv involontario. Di come il tempo meteorologico influenzi magicamente le nostre vite e cambi la Storia, e di come la Storia stia già cambiando il presente sull?ombra del futuro. Una scenografia minimale ? un tavolo e poche sedie ? è la condizione per restituire l?asciuttezza incalzante e claustrofobica del testo. Pochi oggetti, qualche ombrello, una valigia, una zuppa di pesce e il grande pesce caduto dal cielo. La proiezione evanescente dello scheletrico albero genealogico ci ricorda che il punto centrale del discorso non è tanto scoprire la ?vera storia? di una famiglia, ma è la famiglia stessa. Una sola moltitudine, fatta di reperti incomprensibili, raccolti a un tavolo da pranzo, un lungo tavolo dove si succedono le generazioni." (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 230242 

 
 

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: WHEN THE RAIN STOPS FALLING

UNA TAZZA DI MARE IN TEMPESTA

Data dell'evento: 23.02.2019 alle ore 15:30

Teatro del Cerchio, ore 15.30 - 16 - 16.30 - 17 - 17.30

da Moby Dick

Con Roberto Abbiati

Spettacolo per 20 spettatori alla volta.

Per info e prenotazioni: 331 8978682

Luogo: Teatro del Cerchio, ore 15.30
Prosegui la lettura di: UNA TAZZA DI MARE IN TEMPESTA

CENERENTOLA CIRCUS

Data dell'evento: 23.02.2019 alle ore 15:30

Teatro Regio, ore 15.30 e ore 18

Liberamente tratto da La Cenerentola di Gioachino Rossini

Musiche
GIOACHINO ROSSINI

Adattamento e regia
MARIO MASCITELLI

Scene e costumi
ANTONELLA MASCITELLI

Assistente alla regia
SILVIA SANTOSPIRITO

Con
MARIO AROLDI, MARTINA VISSANI, GABRIELLA CARROZZA, CHIARA CASOLI, MARIO MASCITELLI, DAMIANO CAMARDA, LOREDANA SCIANNA, STEFANIA MACERI

ORCHESTRA GIOVANILE BERTOLUCCI

CORO DEGLI ATTORI DEL PROGETTO STUDIO

A cura di Teatro del Cerchio

Commissione del Teatro Regio di Parma in prima assoluta

(spettacolo da 8 anni)

"Per il divertimento di tutta la famiglia, girovaghi saltimbanchi in un?inedita versione della celebre favola di Perrault che ispirò Gioachino Rossini. Cenerentola vive con Gastone il Magnifico, suo patrigno e direttore della compagnia, e le due perfide sorellastre, la donna cannone Clorinda e la donna Barbuta Tisbe. Durante una festa, il famoso lanciatore di coltelli Juan Ramiro sceglierà la protagonista del suo prossimo numero internazionale. A Cenerentola è fatto divieto di parteciparvi, ma la maga Alidoro la aiuta a raggiungere il luogo della festa. L?incantesimo sta per finire e Cenerentola scappa, perdendo uno dei suoi braccialetti: riuscirà Ramiro a ritrovarla e a portarla con sé nella sua tournée in tutto il mondo?" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 203999

Luogo: Teatro Regio Parma
Prosegui la lettura di: CENERENTOLA CIRCUS

POURQUOI PAS!

Data dell'evento: 23.02.2019 alle ore 16:30

Teatro al Parco, ore 16.30

(Tof Theatre)
 
Concezione, regia, marionette, scene  Alain Moreau, interpretazione Pierre Decuypere
 
(dai 5 anni)
 
"Il nuovo spettacolo di teatro di figura dell?artista belga Alain Moreau è un duetto per uomo e bambino che esplora gli stereotipi di genere e scava, con folle dolcezza, nell?alchimia del legame tra padre e figlio, facendoci rivivere la tenerezza, la complicità e l?aria clownesca che ravvivano il loro quotidiano." (c.s.) 
 
*Lo spettacolo in scena grazie al contributo di Fondazione Cariparma nell?ambito del progetto del Teatro delle Briciole ?L?Europa a Parma, l?innovazione nel teatro per le nuove generazioni?.
 
Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: POURQUOI PAS!

UNA TAZZA DI MARE IN TEMPESTA

Data dell'evento: 23.02.2019 alle ore 20:00

Teatro del Cerchio, ore 20- 20.30 - 21 - 21.30 - 22

da Moby Dick

Con Roberto Abbiati

Spettacolo per 20 spettatori alla volta.

Per info e prenotazioni: 331 8978682

Luogo: Teatro del Cerchio, ore 20.00
Prosegui la lettura di: UNA TAZZA DI MARE IN TEMPESTA

LUNA PARK- DO YOU WANT A CRACKER ?

Data dell'evento: 23.02.2019 alle ore 21:00

Teatro di Fontanellato, ore 21

ispirato all?opera e al pensiero di Cervantes e di Douglas Adams

Di e con Simone Perinelli
aiuto regia e consulenza artistica Isabella Rotolo

 
"Atterrare in un non-luogo e rimanerci.Una notte: quell?arco di tempo utile a mettersi in contatto con Dio prima che arrivi il mattino a dissolvere le trasmissioni radio notturne, a spegnere i fari delle auto che sfrecciano sulla tangenziale est di Roma.Una notte per entrare nella wunderkammer di Don Chisciotte e un non-luogo per non pensare, ma solo attendere, preparandosi una frase da dire.Perché forse un giorno arriverà un segno da un altro pianeta e per effetto di una solidarietà, l?insieme dello spazio terrestre diventerà un luogo. Essere terrestre significherà finalmente qualcosa. Prima di allora bisognerà attendere e prepararsi una frase da dire. Perché è nell?anonimato di un non-luogo che si prova in solitudine la comunanza dei destini umani.?Do you want a cracker?? (c.s.)
Per info e prenotazioni: 327 4089399 

Luogo: Teatro di Fontanellato
Prosegui la lettura di: LUNA PARK- DO YOU WANT A CRACKER ?