23.11.2019

ORESTEA # 2 LATTE

Data dell'evento: dal 23.11.2019 al 23.11.2019 alle ore 21:00

Teatro Lenz, ore 21

dalle Coefore di Eschilo
Drammaturgia | Francesco Pititto
Installazione, costumi e regia | Maria Federica Maestri
Interpreti | Valentina Barbarini, Lara Bonvini, Sandra Soncini, Barbara Voghera

Produzione | Lenz Fondazione

"In questa rilettura contemporanea del tragico si confrontano, in un?imprescindibile necessità di fusione linguistica, gli attori storici e gli attori sensibili dell?ensemble di Lenz. Impiantando i propri segni poetici sulla tragedia classica, Lenz confina la saga degli Atridi alla dismisura estetica della patologia psichica dei protagonisti, assumendo come oggetto d?indagine scenica l?iconologia dell?eccesso e della violenza. Il paesaggio neo-mitologico abitato dalla Famiglia è un luogo di soggezione sentimentale e di dissonanze etiche, in cui l?opposizione tra onore e amore, ubbidienza e disobbedienza, subordinazione e superiorità può trovare risoluzione solo in un atto degenerativo.Interpreti di Orestea #2 Latte sono Sandra Soncini, nel ruolo di Clitennestra e Barbara Voghera, attrice con sindrome di Down, nel ruolo di Oreste, già straordinaria interprete di Hamlet e delle maggiori creazioni di Lenz a partire dalla fine degli anni novanta. Insieme a loro Lara Bonvini nel ruolo della sorella Elettra e Valentina Barbarini in funzione di Ifigenia e Coro" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 270141

Luogo: Teatro Lenz
Prosegui la lettura di: ORESTEA # 2 LATTE

SIMPOSIO

Data dell'evento: 23.11.2019 alle ore 17:00

Teatro del Tempo, ore 17

di Platone
diretto e interpretato da Christian Poggioni
musica composta ed eseguita da Irina Solinas
 
"Il dialogo platonico affronta con stupefacente profondità e l'inesauribile attualità del classico il tema dell'Amore, nel rapporto tra Eros e conoscenza. Platone offre uno straordinario affresco della sensibilità greca nei confronti dell'amore: le due forme di Afrodite, il mito dell'androgino, la morbidezza e l'asprezza di Eros, la natura del desiderio. La musica segue lo sviluppo armonico dei ?modi?, scale discendenti derivate direttamente dalla musica greca antica. Ogni personaggio ha ispirato un caratteristico ?modo? musicale e l'unione dei sette discorsi disegna un cerchio perfetto intorno ad un unico centro vitale: l'amore, tema del Simposio, e la nota Do fondamento della musica" (c.s.)
 
Per info e prenotazioni: 340 3802940

 

Luogo: Teatro del Tempo
Prosegui la lettura di: SIMPOSIO

MADRE

Data dell'evento: 23.11.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

regia e coreografia Michela Lucenti

danzato e creato con
Alessandro Pallecchi Arena
Monica Bianchi
Faustino Blanchut
Maurizio Camilli
Ambra Chiarello
Demian Troiano Hackman
Michela Lucenti
Filippo Porro
Emanuela Serra
Giulia Spattini

produzione Balletto Civile, Festival Resistere e Creare ? Fondazione Luzzati, Teatro della Tosse, Fondazione TPE

"Madre è un grande corpo a corpo con il drammaturgo e poeta tedesco Heiner Müller che spacca il testo e lavora sull?inconscio. Un percorso che si muove tra parole e movimento per un teatro totale in una babele di immaginari che si stagliano sotto un cielo 16:9, unico elemento scenico. Una sorta di grembo materno, con una colonna sonora cinematografica, zoomate e campi lunghi, dove il suono diventa immagine, l?immagine e il movimento danno origine ai suoni. Una ricerca fisica per una drammaturgia cinematografica.Un teatro totale che si destreggia continuamente tra discorso danzato e parlato, cercando una terza via: la visione, esperienza quasi sinestetica che mescola differenti linguaggi" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: MADRE

IL GIARDINO DEI CILIEGI - 30 ANNI DI FELICITA' IN COMODATO D'USO

Data dell'evento: 23.11.2019 alle ore 21:00

Teatro al Parco, ore 21

ideazione e drammaturgia Kepler -452

regia Nicola Borghesi

con Annalisa e Giuliano Bianchi, Nicola Borghesi, Sofia Longhini, Lodovico Guenzi
Premio Rete Critica 2018 Miglior spettacolo - compagnia

"Nicola Borghesi, giovane rivelazione del teatro italiano, fondatore della compagnia Kepler ? 452 composta nel suo nucleo principale da Borghesi, Enrico Baraldi e Paola Aiello, lavora incrociando i temi del nostro tempo con le storie di persone comuni, portandole sul palco insieme agli stessi protagonisti che le hanno vissute.
«Abbiamo preso Il giardino dei ciliegi per interrogarci su che cosa significhi perdere un luogo dell?anima per ragioni economiche. L?indagine che abbiamo condotto sugli sgomberi a Bologna ci ha subito posti di fronte a un conflitto di natura filosofica, che è quello fra illuminismo e magia, e cioè come le regole del ?vivere insieme? impattano sull?individuo e sulla sua irriducibilità». Il lavoro di ricerca che ha preceduto la scrittura si è svolto incontrando gli abitanti del territorio bolognese: «Abbiamo parlato con molte persone aprendo un immaginario sull?argomento. Finché non abbiamo incontrato Annalisa Lenzi e Giuliano Bianchi. Abbiamo subito capito che era la storia che volevamo raccontare».
Annalisa e Giuliano hanno vissuto trent?anni in una casa colonica concessa in comodato d?uso dal Comune di Bologna, in quanto fondatori di un?associazione che si occupa di animali. La famiglia Bianchi si è sempre occupata di due attività principali: il controllo della popolazione dei piccioni e l?accoglienza di animali esotici o pericolosi. Per trent?anni convivono in quella casa del Pilastro babbuini, carcerati, una famiglia rom ospite, boa constrictor?
Trent?anni di pura felicità. Finché, nel 2015, ricevono un avviso di sfratto. Il patrimonio di animali, relazioni, magia di questo contemporaneo Giardino dei ciliegi, nell?arco di una mattinata di settembre cessa per sempre di esistere" (c.s.)

(Dopo lo spettacolo la compagnia incontra il pubblico, conducono Roberta Gandolfi e Vincenza Pellegrino, docenti dell?Università di Parma)

Per info e prenotazioni: 0521 992044

Luogo: Teatro al Parco
Prosegui la lettura di: IL GIARDINO DEI CILIEGI - 30 ANNI DI FELICITA' IN COMODATO D'USO

DOMANI MI ALZO PRESTO

Data dell'evento: 23.11.2019 alle ore 21:00

Teatro di Fontanellato, ore 21

scrittura condivisa di Lorenzo Maragoni, Andrea Bellacicco, Eleonora Panizzo, Andrea Tonin, Michele Ruol

Regia di Lorenzo Maragoni
con Andrea Bellacicco, Lorenzo Maragoni, Eleonora Panizzo

Menzione Speciale al Premio Giovani Realtà del Teatro 2015 Accademia Nico Pepe

 ?Domani mi alzo presto e mi metto a studiare per l?esame. E finisco quel progetto che devo scrivere da settimane. E mi iscrivo in palestra. E attacco l?etichetta con il mio nome sul campanello di casa. Domani mi alzo presto, e faccio una lista di cose da fare?. Tutte le classiche cose che si vorrebbero fare e che non si ha mai tempo di fare sono il fulcro di Domani mi alzo presto, della compagnia Amor Vacui, in scena al Teatro Comunale di Fontanellato sabato 23 novembre alle ore 21.00. È lunedì mattina. È una settimana decisiva per le scelte di vita di tre giovani adulti che condividono lo stesso appartamento. Eppure, sembrano impegnati a fare una sola cosa: procrastinare. Rimandare a domani. Passare giorni e notti a guardare infinite serie TV. Sempre meglio che affrontare il mondo reale. Domani mi alzo presto è una promessa da fare ogni sera e da disattendere ogni mattina. È una commedia che dura un?ora. Come tre episodi di Friends. Come un episodio e mezzo di Breaking Bad. Come trecentoventi sigle di LOST. Domani mi alzo presto anche se tra il dire e il fare c?è il procrastinare" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 327 4089399

Luogo: Teatro di Fontanellato
Prosegui la lettura di: DOMANI MI ALZO PRESTO

DUE PASSI SONO

Data dell'evento: 23.11.2019 alle ore 21:00

Auditorium Toscanini, ore 21

di e con Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi.

Compagnia Carullo-Minasi

Spettacolo vincitore Premio Scenario Ustica 2011 e IN BOX 2012

"Un uomo e una donna si ritrovano sul grande palco dell?esistenza, nascosti nel loro mistero di vita che li riduce dentro uno spazio sempre più stretto dall?arredamento essenziale. Sembrano essere chiusi dentro una scatoletta di metallo, sorda alle bellezze di cui sono potenziali portatori, ma un balzo aprirà la custodia del loro carillon. Immagine sacra e surreale, quella del loro matrimonio dove come in una giostra di suoni, colori e coriandoli, finiranno per scambiarsi meravigliosi propositi di poesia" (c.s.)

Per info e prenotazioni: 351 5337070

Luogo: Auditorium Toscanini
Prosegui la lettura di: DUE PASSI SONO