09.03.2019

SENZA TACCHI

Data dell'evento: dal 09.03.2019 al 10.03.2019 alle ore 21:15

Europa Teatri, ore 21.15

da un?idea di Chiara Rubes.
 
Testo: Rossella Canadè
 
con Chiara Rubes e Franca Tragni.

"Uno spettacolo in cui le donne si guardano dentro, pronte ad ammettere debolezze e imperfezioni così come a ribadire i propri punti di forza e a raccontare le proprie storie, viste con l'occhio disincantato di chi ormai le ha sentite tutte, ma anche con lo stupore e la caparbietà che hanno le bambine nel credere ai propri sogni. A meno che non ci sia qualcuno che ricorda da vicino il lupo delle favole pronto a mangiarle. E le scarpe, spesso additate come primo simbolo di una certa vanità femminile, prendono il posto, durante lo spettacolo, degli oggetti quotidiani, vengono utilizzate come telefoni o bicchieri, per sdrammatizzare una certa sacralità fashion che a volte pare circondarle." (c.s.)
 
Domenica 10 marzo lo spettacolo verrà rappresentato alle 18. A seguire si terrà l'incontro con la giornalista Rossella Canadè (autrice del testo Senza Tacchi) per parlare del suo ultimo libro Fuoco Criminale.
 
Per info e prenotazioni: 0521 243377

Luogo: Europa Teatri
Prosegui la lettura di: SENZA TACCHI

IL PENITENTE

Data dell'evento: dal 09.03.2019 al 10.03.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

di David Mamet
traduzione di Luca Barbareschi 

con
Luca Barbareschi
Lunetta Savino
Massimo Reale

Regia Luca Barbareschi 

Produzione Fondazione Campania dei Festival, Napoli Teatro Festival Italia/Teatro Eliseo

"Uno psichiatra affronta una crisi professionale e morale quando rifiuta di testimoniare in tribunale a favore di un paziente accusato di avere compiuto una strage. Coinvolto da un sospetto di omofobia, il penitente subisce una vera gogna mediatica e giudiziaria e viene sbattuto ?in prima pagina? spostando sulla sua persona la momentanea riprovazione di un pubblico volubile, alla ricerca costante di un nuovo colpevole sul quale fare ricadere la giustizia sommaria della collettività. L?influenza della stampa, la strumentalizzazione della legge, l?inutilità della psichiatria, sono questi i temi di una pièce che si svolge tra l?ambiente di lavoro e il privato del protagonista. La demolizione sociale di un individuo influisce inevitabilmente sul suo rapporto matrimoniale. Un dramma descritto in otto scene, otto atti di confronto tra marito e moglie, con la pubblica accusa e con il proprio avvocato. Fino al colpo di scena finale. Il penitente, l?ultimo testo composto nel 2016 per il teatro dal drammaturgo statunitense David Mamet ? Premio Pulitzer per Glengarry Glen Ross ? descrive l?inquietante panorama di una società così alterata nei propri equilibri che l?integrità del singolo, anziché guidare le sue fulgide azioni costituendo motivo di orgoglio, diviene l?aberrazione che devasta la sua vita e quella di chi gli vive accanto." (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: IL PENITENTE

CABARET DES ARTISTES - MIA MAMMA E' UNA MARCHESA

Data dell'evento: 09.03.2019 alle ore 20:30

Teatro Due, ore 20.30

di e con Ippolita Baldini

collaborazione alla drammaturgia Emanuele Aldrovandi...
collaborazione alla regia Roberto Rustioni
 

"Il Cabaret apre le porte anche a una nuova ospite, una attrice e comica italiana che, dal teatro a Colorado Cafè, ha dato voce alle scelte controcorrente dei trentenni: Ippolita Baldini. Motivo che genera l?incontenibile comicità di questo monologo, scritto dalla stessa Baldini con la collaborazione di Emanuele Aldrovandi e con la collaborazione alla regia di Roberto Rustioni, è il tentativo della protagonista di sfuggire alle regole ferree imposte dalle proprie origini aristocratiche. Roberta e? legata alle abitudini della famiglia ma vorrebbe liberarsene, ama il proprio lavoro ma non le basta, vorrebbe andare via ma quando e? via non si sente a casa, si innamora ma non e? veramente innamorata, e? in bilico fra chi e? e chi vorrebbe essere, ma non sa di preciso ne? una cosa ne? l?altra. Il monologo ? in cui la voce narrante della protagonista e? sempre accompagnata dai commenti della madre, che svolge quasi un ruolo da spalla comica ? racconta un pezzo della vita di Roberta: una fuga a New York, un amore che forse non e? vero amore e tanta voglia di capire qual e? il proprio posto nel mondo. Una storia privata che diventa strumento di una riflessione piu? ampia sul desiderio di realizzazione personale, una riflessione che riguarda tutti, perche? l?insicurezza non fa distinzioni sociali. Questo spettacolo si suddivide in nove capitoli, nove avventure della protagonista, Roberta, nove episodi della sua vita. Sullo stile del vecchio varieta? all?italiana, Ippolita Baldini percorre la storia del suo personaggio tra esilaranti sketch comici, canzoni e balletti. Ciascun capitolo ha il suo costume e le sue immagini, tutto concorre ad immergere lo spettatore nell?ambiente che viene raccontato dalla protagonista, in una atmosfera ogni volta nuova. Diplomata all?Accademia Nazionale d?Arte Drammatica Silvio d?Amico, Ippolita Baldini dal 2009 lavora come attrice per progetti teatrali, cinematografici e pubblicitari, ha collaborato con Fondazione Teatro Due nella produzione Le donne in Parlamento con la regia di Nicoletta Robello. Il grande pubblico l?ha conosciuta nel ruolo della Dodi nel film di Luca Miniero, ?Benvenuti al Nord?. Per Pedro Almodovar, ha realizzato un cortometraggio su Mina Mazzini. Dal 2012 ha aperto in Italia una sua attivita? di teatro nelle case che ha portato anche a New York.." (c.s.)

Per info e prenotazioni: 0521 230242

Luogo: Teatro Due
Prosegui la lettura di: CABARET DES ARTISTES - MIA MAMMA E' UNA MARCHESA

LA MERDA

Data dell'evento: 09.03.2019 alle ore 21:00

Teatro del Cerchio, ore 21

di Cristian Ceresoli

Con Silvia Gallerano

 

"Dopo aver vinto l?oscar del teatro europeo e registrato un enorme successo di pubblico e critica in tutto il mondo (dall?Europa al Brasile, dall?Australia al Nord America) a sette anni di distanza dal suo debutto, il poetico flusso di coscienza sulla condizione umana ? il fenomeno che ha da tempo rotto i confini del teatro e viene accolto quasi fosse un concerto rock ? il monologo di Silvia Gallerano arriva a Parma.

Lo ?straordinario, brutale, disturbante e umano? (The Times) testo sulla condizione umana di Cristian Ceresoli che gli è valso il Fringe First Award for Writing Excellence per la scrittura, è stato tradotto oltre che in inglese, in greco, danese, ceco, spagnolo, gallego, portoghese brasiliano, norvegese, svedese e francese, mentre è in corso di traduzione in numerose altre lingue. La Merda si manifesta come uno stream of consciousness dove, in poesia, si scatena la bulimica e rivoltante confidenza pubblica di una ?giovane? donna ?brutta? che tenta con ostinazione, resistenza e coraggio di aprirsi un varco nella società delle Cosce e delle Libertà. La Merda ha come spinta propulsiva il disperato tentativo di districarsi da un pantano o fango, ultimi prodotti di quel genocidio culturale di cui scrisse e parlò Pier Paolo Pasolini all?affacciarsi della società dei consumi. Quel totalitarismo, secondo Pasolini, ancor più duro di quello fascista poiché capace di annientarci con dolcezza." (c.s.)

per info e prenotazioni: 331 8978682

Luogo: Teatro del Cerchio
Prosegui la lettura di: LA MERDA