GRAMSCI- ANTONIO DETTO NINO

con Fabrizio Saccomanno
 
di Francesco Niccolini e Fabrizio Saccomanno
 
Produzione: Ura Teatro
 
"Lo spettacolo racconta frammenti della vita di uno degli uomini più preziosi del Novecento.Vita assolutamente privata: sullo sfondo, e solo sullo sfondo, il tormentoso rapporto con il PCI e l'internazionale socialista, le incomprensioni con Togliatti e Stalin. E l'ombra di Benito Mussolini.In primo piano invece la feroce sofferenza di un uomo che il fascismo vuole spezzare scientificamente, che vive una disperata solitudine, e in dieci anni di prigionia, giorno dopo giorno, si spegne nel dolore e nell'assenza delle persone che ama: la moglie Julka, i figli Delio e Giuliano. Il corpus delle lettere di Antonio Gramsci ai familiari è un capolavoro di umanità, etica, onestà spirituale e sofferenza, un romanzo nel romanzo, che apre a pensieri, dubbi, misteri che raccontare in teatro è avventura sorprendente." (c.s.)

Torna indietro

Aggiungi un commento