News a Parma

JE NE REGRETTE RIEN- STUDIO SU MEDEA

Esito terzo anno della Piccola Scuola di Teatro
Testo e Regia : Gabriella Carrozza
Assistente al Laboratorio e alla Regia: Anna Lisa Cornelli
Luci: Mattia Bertuzzo

Con:
Ilaria Giovanzana, Agata Saglia, Giampaolo Simoncini, Fabio Grippa, Ylenia Poerio, Daniele Lo Re, Maria Laura Colasuonno, Elena Russo, Francesca Teza, Camillo Alfano, Rita Olivieri, Daniela Ceretta, Giampiero Monti

"Dal mito di Medea raccontato da Euripide e altri grandi autori classici (da Ovidio a Seneca), alle interpretazioni più recenti del '900. Negli anni ’80, ad esempio, l’erede di Brecht Heiner Müller scava e indaga in questa storia per calarla completamente nel contemporaneo. Con lui Medea diventa donna dell’est, prostituta, esiliata politica, vittima del tradimento e dell’inganno, trasfigurata e divorata dal dolore. Ed è proprio da questa versione che è partito il nostro lavoro. Cercando di dare a Medea un nuovo volto, anzi, tanti nuovi volti, affrontando le tematiche che più rappresentano il suo percorso di donna prima ancora che di madre: l’amore, il viaggio, la magia e poi il tradimento, il rancore, la vendetta, la solitudine e, soprattutto, quel dolore che non può essere esplicitamente dichiarato ma che emerge, improvviso, istintivo, quando meno te lo aspetti, trasformandoti. “Non, je ne regrette rien” canta Edit Piaf all’inizio dello spettacolo: “No, non rimpiango niente”. E se è vero che la Medea di Euripide ci lascia con l’immagine di una donna tradita e vendicata, che abbandona tutto per una nuova vita mentre la Medea più contemporanea adotta l’infanticidio come atto di benevolenza e sollecitudine, in entrambe possiamo comunque scorgere il medesimo sottofondo: non c’è pentimento." (dalle note di regia)  
 
Per info e prenotazioni: 331 8978682

 

Torna indietro

Aggiungi un commento