L'occhio di riguardo

Una sezione affidata alla buona volontà e cortesia di illustri protagonisti della scena teatrale che hanno accolto l'invito a scrivere un commento, una riflessione, un pensiero sul Teatro di oggi, partendo dal racconto della propria personale esperienza con la realtà artistica parmigiana. Uno spazio di libera espressione per uomini e donne di teatro che possa essere significativo, stimolante ed esemplificativo per lo spettatore del presente.

 

"E IL TEATRO A SCUOLA?"

"...e l’ora di teatro?

Sapete da dove viene la parola “scuola”? Da un termine greco che indica lo svago, il tempo libero, nel senso di “libero esercizio della mente”.

Che ne è di questa libertà, oggi?

Iniziava con queste parole la lettera che abbiamo scritto alla Gazzetta di Parma qualche giorno fa. Parlava del rapporto tra scuola e teatro, di questa faticosa ripartenza dovuta alla delicata situazione sanitaria, e della decisione degli istituti di ”tenere fuori gli esperti".

Tra i quali anche noi, esperti del settore teatrale.

Abbiamo scritto quella lettera al giornale e ci troviamo ancora qui su questa pagina di Teatropoli a ribadire quelle parole, perché da anni ci dedichiamo alla formazione e crediamo fortemente nel legame che unisce il teatro alla scuola.

Per questa ripartenza in questi mesi avevamo progettato attività all’aperto e in digitale, sempre con un occhio per la totale sicurezza. Ma le nostre proposte sono cadute nel vuoto. E nel vuoto pare resteranno ancora per parecchi mesi.

Eravamo pronti a proseguire un percorso di anni che legava come un filo esperti, alunni e docenti. E invece così non è stato.

Il teatro è fatto di relazioni, sguardi, emozioni che soprattutto in momenti come questo hanno bisogno di riemergere, per rielaborare ed esorcizzare tutto quello che abbiamo vissuto e stiamo vivendo.

L’ora di teatro nella scuola e per la scuola è una risorsa, una ricchezza, e ora più che mai la scuola e gli alunni, anziché chiudersi, avrebbero avuto bisogno di aprirsi a noi.

Ecco. Con queste righe vorremmo dunque ribadire  l’importanza del legame tra noi e la scuola (nel nostro territorio ma non solo), un rapporto dall’alto valore pedagogico e formativo, consolidato in anni di progettazione e scambio. Vorremmo ricordare che essere “esperti di teatro” è un lavoro serio, fatto di studio e ricerca, capace di dare enormi soddisfazioni a tutte le persone coinvolte ma che purtroppo è stato poco tutelato, e che ora rischia di diventare invisibile.

Rimangono i corsi pomeridiani, certo, e gli amanti del teatro possono continuare lì, se vogliono. Ma è anche e soprattutto nell’offerta formativa scolastica che noi crediamo, nel lavoro che il teatro può svolgere sul gruppo classe, e sui soggetti che spesso non hanno possibilità di accedere ai corsi privati. Perché la forza del teatro sta anche e soprattutto nella sua accessibilità, nel suo  poter essere di chiunque.

Il telefono squilla: gli insegnanti ci dicono che manchiamo ai ragazzi, e anche a loro; sperano di rivederci presto, anche noi lo speriamo. Non ci hanno dimenticati tutti, va detto.

Inoltre capiamo perfettamente le preoccupazioni dei dirigenti e appunto per questo, con queste nuove righe, vorremmo dire loro di considerarci un’opportunità.

Noi ci siamo, e siamo pronti per un confronto nuovo.

Per cercare insieme, ancora una volta, soluzioni utili ad affrontare questo momento.

Per non far perdere alla scuola e ai ragazzi l’ennesima possibilità di crescere e di essere, appunto, liberi.

Gli attori e formatori Francesca Grisenti, Franca Tragni, Consuelo Ghiretti, Alberto Branca, Massimiliano Grazioli

ANTONIO ZANOLETTI- Considerazioni sul teatro e sull'attore

Che cosa siamo noi attori? L'attore è un essere misterioso. Come tutti, ed è giusto che sia così, ma nello stesso tempo non deve essere come tutti, non può. Avviene per lui com...

Torna indietro