L'occhio di riguardo

Una sezione affidata alla buona volontà e cortesia di illustri protagonisti della scena teatrale che hanno accolto l'invito a scrivere un commento, una riflessione, un pensiero sul Teatro di oggi, partendo dal racconto della propria personale esperienza con la realtà artistica parmigiana. Uno spazio di libera espressione per uomini e donne di teatro che possa essere significativo, stimolante ed esemplificativo per lo spettatore del presente.

 

"E IL TEATRO A SCUOLA?"

"...e l’ora di teatro?

Sapete da dove viene la parola “scuola”? Da un termine greco che indica lo svago, il tempo libero, nel senso di “libero esercizio della mente”.

Che ne è di questa libertà, oggi?

Iniziava con queste parole la lettera che abbiamo scritto alla Gazzetta di Parma qualche giorno fa. Parlava del rapporto tra scuola e teatro, di questa faticosa ripartenza dovuta alla delicata situazione sanitaria, e della decisione degli istituti di ”tenere fuori gli esperti".

Tra i quali anche noi, esperti del settore teatrale.

Abbiamo scritto quella lettera al giornale e ci troviamo ancora qui su questa pagina di Teatropoli a ribadire quelle parole, perché da anni ci dedichiamo alla formazione e crediamo fortemente nel legame che unisce il teatro alla scuola.

Per questa ripartenza in questi mesi avevamo progettato attività all’aperto e in digitale, sempre con un occhio per la totale sicurezza. Ma le nostre proposte sono cadute nel vuoto. E nel vuoto pare resteranno ancora per parecchi mesi.

Eravamo pronti a proseguire un percorso di anni che legava come un filo esperti, alunni e docenti. E invece così non è stato.

Il teatro è fatto di relazioni, sguardi, emozioni che soprattutto in momenti come questo hanno bisogno di riemergere, per rielaborare ed esorcizzare tutto quello che abbiamo vissuto e stiamo vivendo.

L’ora di teatro nella scuola e per la scuola è una risorsa, una ricchezza, e ora più che mai la scuola e gli alunni, anziché chiudersi, avrebbero avuto bisogno di aprirsi a noi.

Ecco. Con queste righe vorremmo dunque ribadire  l’importanza del legame tra noi e la scuola (nel nostro territorio ma non solo), un rapporto dall’alto valore pedagogico e formativo, consolidato in anni di progettazione e scambio. Vorremmo ricordare che essere “esperti di teatro” è un lavoro serio, fatto di studio e ricerca, capace di dare enormi soddisfazioni a tutte le persone coinvolte ma che purtroppo è stato poco tutelato, e che ora rischia di diventare invisibile.

Rimangono i corsi pomeridiani, certo, e gli amanti del teatro possono continuare lì, se vogliono. Ma è anche e soprattutto nell’offerta formativa scolastica che noi crediamo, nel lavoro che il teatro può svolgere sul gruppo classe, e sui soggetti che spesso non hanno possibilità di accedere ai corsi privati. Perché la forza del teatro sta anche e soprattutto nella sua accessibilità, nel suo  poter essere di chiunque.

Il telefono squilla: gli insegnanti ci dicono che manchiamo ai ragazzi, e anche a loro; sperano di rivederci presto, anche noi lo speriamo. Non ci hanno dimenticati tutti, va detto.

Inoltre capiamo perfettamente le preoccupazioni dei dirigenti e appunto per questo, con queste nuove righe, vorremmo dire loro di considerarci un’opportunità.

Noi ci siamo, e siamo pronti per un confronto nuovo.

Per cercare insieme, ancora una volta, soluzioni utili ad affrontare questo momento.

Per non far perdere alla scuola e ai ragazzi l’ennesima possibilità di crescere e di essere, appunto, liberi.

Gli attori e formatori Francesca Grisenti, Franca Tragni, Consuelo Ghiretti, Alberto Branca, Massimiliano Grazioli

ANTONIO MASCOLO: "QUANDO VIDI GIGI VOLARE"

(Un ricordo prezioso questo di cui ci ha fatto dono Antonio Mascolo, firma storica del giornalismo, profondo conoscitore della materia teatrale e grande amico del regista e attore[...

FRANCESCO PITITTO: "Cosa è Teatro e cosa non è Teatro"

(Un prezioso contributo autografo di Francesco Pititto, Direttore Artistico di Lenz Fondazione) "Tempo fa ho letto un post di Simone Derai di Anagoor in cui era scritto: “È da q...

"E IL TEATRO A SCUOLA?"

"...e l’ora di teatro? Sapete da dove viene la parola “scuola”? Da un termine greco che indica lo svago, il tempo libero, nel senso di “libero esercizio della mente”. Che...

Torna indietro