Il sipario apre su...

TUTTI MATTI PER COLORNO RADDOPPIA

Di lasciare il proprio pubblico senza quella travolgente allegria che è diventata appuntamento fisso nella cittadina di Colorno nei primi giorni di settembre, non ci pensa proprio la grintosa e spumeggiante Direzione Artistica di Teatro Necessario, la compagnia che da ben 13 anni organizza “Tutti matti per Colorno”, l’attesissimo festival di circo contemporaneo, teatro di strada, danza e musica all’aperto. Certo quest’anno l’emergenza sanitaria ha complicato la situazione, ma troppa era la voglia di riprendere e regalare, seppur nel pieno rispetto della normativa vigente, momenti di stupore, meraviglia, condivisione e giovialità. Anzi, non solo la rassegna non lascia, ma addirittura, per la prima volta nella sua storia, quest’anno raddoppia la programmazione, proponendo spettacoli ed eventi per due lunghi weekend, quello da venerdì 4 a domenica 6 settembre e quello da venerdì 11 a domenica 13 settembre. Una doppia speciale edizione che potrà realizzarsi come sempre grazie alla preziosa collaborazione del Comune di Colorno e della Provincia di Parma, nonché al sostegno fondamentale di Fondazione Cariparma, Regione Emilia Romagna, Mibact e Fondazione Nuovi Mecenati.

Del grande sforzo organizzativo compiuto quest’anno e della necessità di riproporre alla comunità questa rassegna dal particolare valore culturale e aggregativo se ne è parlato durante la conferenza stampa di qualche giorno fa, introdotta dalle parole del Presidente della Provincia di Parma, Diego Rossi, che ha sottolineato “lo straordinario valore del festival, fortemente radicato sul territorio ma dal grande respiro internazionale”, come dimostra del resto la presenza anche in questa edizione di acclamati artisti esteri, quali il duo belga “Dirque & Fien” e le compagnie francesi “P’tits bras” e “Cirque entre nous”.

“Alla domanda che ci siamo posti se era possibile, sulla base della normativa ministeriale, proporre il festival senza tradire la sua vocazione, ci siamo dati questa risposta: possiamo farcela e anche ampliando l’offerta” ha proseguito in conferenza il Sindaco di Colorno, Christian Stocchi “realizzare Tutti matti per Colorno significa investire in cultura sul territorio e rafforzare il legame comunitario, messo così a dura prova negli ultimi mesi di distanziamento obbligatorio. Il festival sa intercettare un pubblico trasversale e questo è un valore aggiunto da tenere in considerazione. Non possiamo che ringraziare tutti coloro che ogni anno, e in questo in particolare, rendono tutto ciò possibile, costruendo momenti di bella socialità”. Un'edizione che si preannuncia più che mai ricca di proposte, dove non mancheranno gli spettacoli presentati dalle compagnie della scena off (tutti ad ingresso gratuito ma contingentato) e che si svolgeranno in diversi spazi all’interno del Giardino Ducale della Reggia di Colorno. “Valorizzare il patrimonio artistico e sostenere attività culturali come questa, per migliorare la vita della comunità, è tra gli scopi principali della nostra azione” ha aggiunto il Presidente di Fondazione Cariparma, Franco Magnani “e con questa rassegna, di incredibile forza vitale, Colorno diventa a tutti gli effetti la capitale del circo contemporaneo di strada”.

Dunque l’entusiasmo che da sempre contraddistingue il lavoro di Teatro Necessario e di tutte le parti coinvolte nell’organizzazione del festival non manca nemmeno in questo 2020 così complesso. “Da subito abbiamo capito che era importante dare un segnale alla comunità” ha continuato Leonardo Adorni, tra i fondatori storici di Teatro Necessario “abbiamo vagliato mille opzioni, per cercare di preservare la natura del festival, e mantenere quindi le caratteristiche di condivisione, vicinanza e prossimità con il pubblico. Lo faremo anche quest’anno ma in sicurezza, con le mascherine e rispettando tutte le disposizioni di legge. Per quanto riguarda la programmazione sapremo offrire spettacoli di altissima qualità. Grazie alla collaborazione di tutti, del Comune di Colorno in primis a cui si aggiunge quest’anno anche il Comune di Montechiarugolo, dove mercoledì 9 e giovedì 10 settembre porteremo una tappa del festival”. Si raddoppiano le date e anche le esperienze (tra le proposte più interessanti la scuola di circo ludico ed educativo in collaborazione con l'Associazione Circolarmente), e così i luoghi, difendendo sempre quello slancio artistico, creativo, sorprendente e quello spirito di ritrovata comunità che rappresentano l'intima forza della rassegna.“Riuscire a coniugare le restrizioni anti-contagio con la nostra anima è stato davvero complicato” ha ribadito Jacopo Maria Bianchini di Teatro Necessario “un lavoro di compromessi ma al rialzo, non al ribasso, che alla fine ci ha consentito di sperimentare nuove forme e soluzioni. E poi confidiamo nel nostro pubblico che si è sempre distinto per grande senso di civiltà”. 

Non solo circo contemporaneo, creazioni ed acrobazie, ma anche tanta musica dal vivo, come ha ricordato l’altro volto amatissimo di Teatro Necessario, Alessandro Mori “A chiudere tutte le serate ci saranno concerti gratuiti. Quest’anno, per ovvie ragioni, abbiamo virato verso il cabaret, e tra i nomi che siamo felici ancora una volta di ospitare c’è quello di Roberto Esposito, ormai pianista ufficiale della compagnia”.

E per un festival che raddoppia non poteva mancare una doppia anteprima: la prima, tutta musicale, sarà mercoledì 2 settembre, ore 21.30, a Lostello, presso il Parco della Cittadella a Parma, mentre la seconda si terrà a Colorno giovedì 3 settembre alle 18.

Per tutti i dettagli del programma: https://www.tuttimattipercolorno.it/index.php/programma

RE-Opening MONDI NUOVI

(DAL COMUNICATO STAMPA) "Première a Parma per tre nuovi assoli dell’inesauribile ricerca performativa di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto. Per giungere, nel mese di no...

PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITA' 2020-2021

Venerdì 25 settembre alle 18.30 si terrà la presentazione di tutte le attività 2020-21 del Teatro del Cerchio, dunque i corsi della Piccola Scuola di Teatro,...

RE-Opening MONDI NUOVI

(DAL COMUNICATO STAMPA) "Première a Parma per tre nuovi assoli dell’inesauribile ricerca performativa di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto. Per giungere, nel mese di no...

Torna indietro